Movida choc, maxi-rissa al porto tra decine di minorenni. Il video: «Fermateli prima che ci scappi il morto»

Nelle ore della movida una maxi-rissa ripresa dal cellulare. Violenza nata per futili motivi tra gruppi di giovanissimi

Movida choc, maxi-rissa al porto tra decine di minorenni. Il video: «Fermateli prima che ci scappi il morto»

Calci, pugni al volto, una violenza inaudita tra giovani quella ripresa dal cellulare da uno degli spettatori della rissa a San Leone, paese affacciato sul mare nell'agrigentino. Nel video, oscurato, per la presenza di minori, si sentono le grida delle ragazze che, impaurite, cercano di fermare i ragazzi coinvolti nella spirale di violenza, ma si sentono anche delle risate femminili. I fatti sarebbero accaduti sabato notte, nelle ore della movida, nel piccolo porto di San Leone, come scrive il quotidiano La Sicilia.

Prete aggredito per strada e lasciato in una pozza di sangue. La polizia diffonde video e foto

Rissa per gioco?

E' probabile, come già accaduto in altre situazioni, che la rissa sia nata per futili motivi, o forse per un gioco o magari per dispute nate sui social a colpi di messaggi. Ma la violenza notturna tra ragazzi della movida è un fenomeno sociale sempre più frequente ed allarmante. «Fermateli prima che ci scappi il morto» afferma, Giuseppe Di Rosa, responsabile regionale del Codacons, che da tempo chiede maggiori controlli nei luoghi della movida dell'agrigentino.

Picchiò una ragazza di vent'anni in palestra: negato il permesso di soggiorno al bodybuilder albanese

«Il risultato è davanti agli occhi di tutti. Purtroppo anche il controllo del territorio e gli interventi di polizia sempre più frequenti non fanno desistere questi incauti giovani. Si passi allora alle maniere pesanti, purtroppo non rimane altro da fare: si proceda con i fermi di polizia, si predisponga un furgone della polizia o dei carabinieri pronto ad entrare in azione al primo principio di rissa che coinvolge gente ubriaca o sotto l’effetto di droghe...Trattateli come si fa con i veri delinquenti perché, se non lo sono, lo diventeranno» scrive ancora Di Rosa.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 5 Settembre 2022, 09:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA