Manovra, addio al bonus 18enni: le risorse destinate a spettacoli ed editoria. Ecco quanto

Emendamento della maggioranza ridestina risorse dell'App18

Manovra, addio al bonus 18enni: le risorse destinate a spettacoli ed editoria. Ecco quanto S&P: nel 2023 recessione più pesante in Italia

Addio all'App 18, il bonus 18enni per teatri, cinema, spettacoli dal vivo, libri, abbonamenti a quotidiani e periodici, musei, concerti e mostre. Un emendamento della maggioranza (FdI, Lega e FI) abroga la misura ridestinando le risorse - pari 230 milioni di euro annui a decorrere dal 2022 - a finalità di sostegno del mondo dello spettacolo e della cultura.

Auto elettriche, stop agli incentivi in due Paesi: la Svizzera le ferma. La situazione in Italia

Sostegno economico ai lavoratori dello spettacolo e agi operatori dell'editoria

Si va dal rafforzamento del Fondo per il sostegno economico temporaneo dei lavoratori dello spettacolo al Fondo per gli operatori dell'editoria e delle librerie, dal Fondo per lo spettacolo dal vivo al sostegno delle attività di rievocazione storica de «La Girandola» di Roma. 

L'emendamento all'articolo 108 alla legge di bilancio

Abolire la app 18 per ridistribuirne i fondi (230 milioni) nel welfare dello spettacolo, che salgono da 40 a 100 milioni dal 2023, creando tra l'altro un fondo a favore della filiera del libro e delle biblioteche. Questo lo spirito che avrebbe mosso la maggioranza a promuovere l'emendamento all'articolo 108 alla legge di bilancio firmato dal presidente della Commissione cultura della Camera Federico Mollicone (Fdi), e dagli onorevoli Rossano Sasso (Lega) e Rita Dalla Chiesa (FI). Viene quindi abrogata la app 18, il bonus cultura che permetteva ai ragazzi di spendere 500 euro in acquisti culturali al compimento dei 18 anni. Viene incrementato il welfare per i lavoratori dello spettacolo con l'aumento dell'indennità di discontinuità che passa da «40 milioni di euro annui a decorrere dall'anno 2022» a «40 milioni di euro per l'anno 2022 e 100 milioni di euro annui a decorrere dall'anno 2023».

Come saranno distribuiti i fondi nello specifico

L'emendamento della maggioranza prevede anche il «Fondo per il libro», con una dotazione pari a 15 milioni di euro annui. Il Fondo è ripartito annualmente, con uno o più decreti del Ministro della cultura«, mentre 30 milioni vanno alle biblioteche dal 2024 e 2 milioni l'anno al Fondo rievocazioni storiche (dal 2019 al 2022) che diventano 5 milioni a partire dal 2023. Il 'Fondo unico per lo spettacolò, il Fus diventa 'Fondo nazionale per lo spettacolo dal vivò ed è »incrementato di euro 40 milioni a decorrere dall'anno 2023«. Il Fondo cinema viene incrementato di 10 milioni e da 250 passa a 260 milioni. Cinque milioni l'anno vanno ai carnevali storici »al fine di consentire la conservazione e la trasmissione delle tradizioni popolari in relazione alla promozione dei territori«. È »incrementata di 13,3 milioni di euro nel 2023 e di 11,5 milioni annui a decorrere dall'anno 2024« la spesa per il funzionamento dei Musei statali.

È istituita la »fondazione di diritto privato denominata 'Fondazione Vittorianò, con compiti di gestione e valorizzazione del Complesso del Vittoriano«. Infine con l'obiettivo di »celebrare la vita, le scoperte e l'opera di Guglielmo Marconi nella ricorrenza dei centocinquanta anni dalla sua nascita, nonché di promuovere lo sviluppo di studi scientifici e di sperimentazioni nei settori delle telecomunicazioni, dell'innovazione e della creatività, è autorizzata la spesa di 2 milioni di euro per l'anno 2023 e di 2 milioni di euro per l'anno 2024«.

S&P: nel 2023 recessione più pesante in Italia

S&P abbassa, nel suo nuovo report sull'economia globale, anche le stime per l'Italia. La recessione nel 2023, sotto il peso dell'inflazione e dei rischi geopolitici, è ora attesa di 1 punto percentuale più alta, con una flessione del Pil dell' 1,1% e un ritorno alla crescita nel 2024 ma solo dello 0,8%, peggiore di 90 punti base rispetto allo scenario base e dell'1,2% nel 2025.

Per l'Eurozona l'attesa è di un calo dello 0,9% nel 2023, e di una crescita del Pil dello 0,8% nel 2024 e dell'1,4% nel 2025.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 9 Dicembre 2022, 16:27
© RIPRODUZIONE RISERVATA