Lotteria Italia 2019: Venduto nell'area di servizio Sala Consilina Est il biglietto da 5 milioni di euro. Campania baciata dalla fortuna

di Ida Di Grazia
La Lotteria Italia si ferma ancora una volta in Autogrill. Il primo premio da 5 milioni di euro va al tagliando G 154304 venduto a Sala Consilina (SA) – A03 SA-RC abbinato a Riccardo Rossi. In Campania i primi tre premi. Su Leggo.it la diretta con l'estrazione e l'abbinamento di tutti i biglietti vincenti avvenuta su rai 1 durante i “ Soliti Ignoti – Il Ritorno – Speciale Lotteria Italia”, lo show condotto da Amadeus.

Lotteria Italia 2019, la diretta: i 50 biglietti vincenti a cui vanno 50.000 euro

Il secondo premio della Lotteria Italia da 2,5 milioni di euro va al tagliando E 449246 venduto a Napoli – Piazza Principe Umberto .  Abbinato a Sabrina Ferilli
Il terzo premio  da 1,5 milioni di euro va al tagliando E 265607 venduto a Pompei (Napoli) – Via Roma 59. Abbinato a Loretta Goggi.
Il quarto premio al tagliando P 386971 venduto a Torino- Corso Traiano 158. Abbinato ad Alessandro Gassmann.
Il quinto premio da 500.000 euro va al tagliando F 075026 venduto a Fabro, in provincia di Terni -  – A1 MI-NA. Abbinato a Frank Matano.



Entusiasmo all’interno del bar dell’area di servizio Sala Consilina Est, in provincia di Salerno, direzione nord dell’autostrada A3 del Mediterraneo. «Abbiano venduto molti biglietti della serie vincente proprio negli ultimi giorni e anche un biglietto che ha vinto 50mila euro. Naturalmente, non possiamo sapere chi ha vinto dal momento che nell’area di servizio sostano molte persone», hanno detto all’Ansa Giovanni e Fabio, due addetti alla ristorazione, che sperano che il fortunato vincitore si ricordi di loro e di tutti i colleghi dell’area di servizio, magari con un premio.
Il ticket che ha vinto 5 milioni di euro potrebbe, in ogni caso, essere stato venduto anche nel bar direzione sud della stessa area di servizio, ma è un’ipotesi che solo domani potrà essere verificata. Nell’area di servizio di Sala Consilina si vendono ogni anno migliaia di biglietti ma l’ultimo biglietto vincente era stato venduto oltre dieci anni fa.

I premi di prima categoria, ricorda Agipronews, mancavano dalla Campania dall’edizione 2015, quando furono vinti 2 milioni a San Nicola La Strada (Caserta), mentre al 2011 risale la vincita più ricca, 5 milioni a Napoli. Un altro dei biglietti vincenti di prima categoria è stato venduto in un’area di servizio di Fabro (Terni), dove tre anni fa finì il quinto premio da 250mila euro. Il quinto è stato venduto a Torino, che si conferma super fortunata: l’anno scorso finirono in provincia del capoluogo piemontese il terzo premio da 1,5 milioni a Rosta, e il quarto da 1 milione a Pinerolo. Restano invece a secco di premi di prima categoria il Lazio e Roma, nonostante anche quest’anno siano in cima alle classifiche di vendita: un anno fa la Capitale si aggiudicò il quinto premio da mezzo milione, mentre due anni fa in Regione non finì neanche uno dei cinque premi più importanti

I premi dei 205 biglietti vincenti sono stati così distribuiti:

PREMI DI PRIMA CATEGORIA
1° Premio € 5.000.000
2° Premio € 2.500.000
3° Premio € 1.500.000
4° Premio € 1.000.000
5° Premio € 500.000

PREMI DI SECONDA CATEGORIA
N° 50 premi da € 50.000

PREMI DI TERZA CATEGORIA
N° 150 premi da € 25.000

Lotteria Italia, i biglietti vincenti sono 205: in diretta a Soliti Ignoti il tagliando da 5 milioni di euro
 
 


Estrazioni Lotto e Superenalotto, tutti i numeri vincenti

SEI MESI DI TEMPO PER INCASSARE I PREMI
Sei mesi di tempo dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale dell’elenco dei biglietti vincenti: è la “data di scadenza” della Lotteria Italia. I vincitori, riporta Agipronews, hanno 180 giorni per riscuotere il premio, presentando il tagliando vincente, integro e in originale, negli sportelli di Banca Intesa Sanpaolo oppure all'Ufficio Premi di Lotterie Nazionali. Il pagamento avviene entro 30 giorni dalla data di presentazione del biglietto. Il biglietto può anche essere spedito direttamente all'Ufficio Premi, con una raccomandata A/R, indicando le generalità, l'indirizzo del richiedente e la modalità di pagamento (assegno circolare, bonifico bancario o postale).


LE AREE DI SERVIZIO COLPISCONO ANCORA 

Dopo il tagliando vincente dell’edizione scorsa della Lotteria Italia venduto all’Autogrill La Macchia Ovest di Anagni (Frosinone), anche quest’anno la fortuna si ferma in autostrada, con i 5 milioni di euro vinti a Sala Consilina, in provincia di Salerno, lungo l’autostrada A3, che si vanno a sommare ai 32,5 milioni di euro vinti nelle aree di servizio durante i 10 anni precedenti. Nella storia recente della Lotteria l’edizione più fortunata per i “giocatori viaggianti” è stata quella del 2005: ben 9 milioni grazie al primo, al secondo e al quarto premio, rispettivamente da 5 milioni, 3 milioni e 1 milione di euro; quella più avara è stata nel 2014, con appena 500mila euro.

DAL 2002 DIMENTICATI PREMI PER OLTRE 28 MILIONI DI EURO 
E’ di 28 milioni di euro il totale dei premi non riscossi della Lotteria Italia dal 2002 a oggi.  Nell’edizione 2017 gli italiani hanno “dimenticato” di riscuotere 970mila euro, divisi in 9 premi di seconda categoria da 50mila euro ciascuno e 26 di terza categoria da 20mila euro. Tutti reclamati i cinque premi di prima categoria, dai 5 milioni vinti con un biglietto venduto in un’area di servizio di Anagni (Frosinone), ai 500mila euro del tagliando acquistato a Roma, alla stazione Termini. Premi di prima categoria tutti riscossi anche nell’edizione 2016 (ma il totale delle “dimenticanze” fu comunque da 1,2 milioni). L’ultimo “black out” milionario fu due anni fa, con un biglietto da 2 milioni di euro mai riscosso. Cinque anni fa il totale dei premi lasciati all’erario fu di 1,7 milioni di euro, tra cui il quarto premio da 1 milione finito a L’Aquila, a cui si aggiunsero 6 premi da 60 mila euro e 19 premi da 20 mila euro. 
La storia della Lotteria Italia è costellata da dimenticanze milionarie. Il primato degli ’sbadati’, spiega Agipronews, appartiene all’edizione 2008/2009, quando a non essere reclamato fu il primo premio da 5 milioni di euro, venduto a Roma (e rimesso poi in gioco l’anno successivo). Nel 2003 i premi non riscossi ammontarono a quasi 4 milioni di euro. L’anno seguente i biglietti vincenti dimenticati furono del valore di 1,1 milioni. Nel 2007 non furono incassati premi per un totale di 1 milione 125 mila euro. Solamente 220 mila euro i premi dimenticati nell’edizione 2010, mentre nel 2011 le somme lasciate allo Stato furono pari a 2 milioni di euro, corrispondente al secondo premio vinto a Modena, più vincite inferiori per ulteriori 700 mila euro. Nell’edizione 2012 furono invece dimenticati premi per 642 mila euro.

 
Domenica 6 Gennaio 2019, 21:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA