Grandine come palline da golf sul Bellunese, tromba d'aria nella zona di Ponte nelle Alpi

Video
di Redazione online
Maltempo con danni ingenti in Veneto. Rovesci un po' ovunque nel Bellunese tra le 16 e le 17, e grandine come palline da golf tra Gioz e San Fermo nell'immediata periferia del capoluogo. A San Fermo è finito sulla strada anche un albero i Vigili del fuoco del comando provinciale sono al lavoro per la rimozione della pianta. A Sedico in alcune aree è mancata anche la luce. Al momento non si segnalano danni particolari. A Ponte nelle Alpi, invece, una tromba d'aria ha scoperchiato il Palamares e una casa a Polpet. Sul posto anche il sindaco.

Altri probelmi causati dal nubifragio in Cadore, a Vodo: si  valuta addirittura l'evacuazione di  alcune famiglie. A Peaio di Vodo  il riempimento di una briglia a monte della statale di Alemagna sta creando apprensione.


Grossi disagi per il maltempo in altre parti del Veneto.  Ecco il quadro

Maltempo, altro pomeriggio terribile con nubifragi e grandine tra Garda, Valpolicella e Est Veronese e neve più a nord sullo Stelvio. Ancora danni per il maltempo nel Veronese, dopo la bomba d'acqua e grandine di domenica scorsa. Oggi pomeriggio il nubifragio con una violenta grandinata ha colpito in particolare la zona tra il Lago di Garda, la Valpolicella e l'Est Veronese, dove il Palazzetto dello Sport di Montecchia di Crosara è stato completamente scoperchiato dal forte vento e dalla grandine. Grandine che ha colpito con enormi chicchi Colognola ai Colli, mandando in frantumi decine di tegole dei tetti. A Pali e Fitta di Soave danni a strutture per vento forte e danni anche ai vigneti del Soave come del Valpolcella.

Grandinata anche a Peschiera del Garda e Valeggio sul Mincio. Una tromba d’aria ha interessato, invece, Palù, Buttapietra e Trevenzuolo. Allagate ancora una volta alcune zone della città, come Veronetta e Parona, già colpite domenica scorsa.

E' tornata la neve in Valtellina. Nella ski-area del ghiacciaio dello Stelvio, per la gioia dei tanti turisti ancora presenti in questo fine settimana per la pratica dello sci estivo, sta nevicando. Al passo dello Stelvio, al confine con la provincia di Bolzano, a 2758 metri di quota nevica, ma il passo è sempre perfettamente raggiungibile da entrambi i versanti, quello lombardo e quello altoatesino, mentre sugli impianti di risalita del Livrio, situati a 3174 metri, le precipitazioni nevose sono più abbondanti e, al momento, c'è anche un forte vento a rendere le temperature più rigide.

NEL VICENTINO

Ultimo aggiornamento: Sabato 29 Agosto 2020, 20:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA