Covid, treni alta velocità Frecciarossa e Italo tornano a viaggiare al 100% dei posti. Cts contrario: «Scelta preoccupante»

Da oggi i treni a lunga percorrenza Frecciargento e Frecciarossa di Trenitalia e i treni Italo possono viaggiare al 100% dei posti. Da oggi infatti, secondo quanto si apprende, si sono realizzate le condizioni poste dal dpcm del 14 luglio.

Coronavirus, i dati di morti e contagi in Italia

Il provvedimento disponeva infatti la possibilità di far viaggiare i treni a piena capacità purché in presenza di alcune condizioni: tra queste, la misurazione della temperature prima del viaggio; l'autodichiarazione dei passeggeri che certifica di non aver avuto contatti con persone contagiate dal Covid; l'obbligo della mascherina con la sostituzione dopo 4 ore. La situazione comunque, potrebbe cambiare nelle prossime ore alla luce delle nuovi indicazioni che verranno pubblicate nell'ultimo dpcm.


La possibilità che i treni ad alta velocità tornino a viaggiare al 100% dei posti disponibili desta «molta preoccupazione». È quanto affermano fonti del Comitato tecnico scientifico del governo sottolineando che la decisione è stata presa «senza aver ricevuto il parere del Comitato». Secondo quanto si apprende, nella mattinata di ieri è stato inviata dal Mit una richiesta di valutazione del nuovo piano dei treni ad alta velocità ma nella riunione che si è tenuta nel pomeriggio non se ne è parlato. La questione è all'ordine del giorno dell'incontro in programma giovedì prossimo: e sarà quella l'occasione, sottolineano ancora le fonti, per esprimere una «decisa contrarietà» alla scelta fatta.

 
 

Ultimo aggiornamento: Venerdì 31 Luglio 2020, 19:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA