Coronavirus, a Napoli case del sesso nei b&b: 'Pacchetto anti-Covid' a 70 euro

Il coronavirus ha messo in difficoltà le case vacanza e i bed and breakfast in tutta Italia frenandone il flusso turistico, ma a Napoli - stando alla denuncia dell’Abbac, l’associazione che rappresenta i proprietari di b&b del capoluogo campano, - qualcuno sembra aver trovato una soluzione. Alcune strutture sarebbero state trasformate in vere e proprie case del sesso dove è possibile usufruire un "Pacchetto anti-Covid". Alberghi a ore in cui all'ospitalità normale si aggiungerebbero le prestazioni sessuali.

Leggi anche > Stefano De Martino, l'amico svela i retroscena della separazione da Belen Rodriguez: «C'è molto dolore»

Per un massimo di due ore e a sole 70 euro si può alloggiare in camere dotate di tutti i comfort ed essere accolti da ragazze con mascherina solo a richiesta. I clienti possono entrare nei palazzi a luci rosse con discrezione utilizzando codici di accesso come qualsiasi condomino. In assenza di turisti i gestori dei locali affittano a prostitute di nazionalità diversa a seconda del quartiere alimentando un giro di affari su cui potrebbe essersi gettata anche la Camorra. Al Vomero ci sono brasiliane, colombiane e argentine. A Chiaia, tra la Riviera e la zona di Mergellina, ci sono le ragazze dell’est Europa come russe, moldave e polacche. Nel quartiere Stella si trovano le bengalesi e al centro storico le nigeriane.

Le segnalazioni sono arrivate sulla casella di posta elettronica dell'associazione. La polizia Municipale sta indagando, ma per risalire alle strutture basta utilizzare internet. L'elenco di camere a ore è molto lungo. «Noi vogliamo tutelare chi svolge l’attività in piena regola pagando tasse che non sono state sospese durante il lockdown - spiegano dall'Abbac - Il mondo degli abusivi è ampio ma per fortuna in tantissimi esercitano questo lavoro con correttezza. Ricordiamo che un gestore deve pagare tributi per la Scia, paga l’Imu e la Tasi tra le più alte, versa l’imposta di soggiorno ed è attento a tutte le misure di sanificazione. Abbiamo segnalato ogni cosa agli agenti».
Ultimo aggiornamento: Venerdì 31 Luglio 2020, 19:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA