Raoul muore a 20 anni mentre lavora alla Capannina di Forte dei Marmi: malore improvviso, era emorragia cerebrale

Sabato notte il ragazzo di Lucca si è accasciato all’improvviso dentro al locale della Versilia in quel momento pieno di persone

Raoul muore a 20 anni mentre lavora alla Capannina di Forte dei Marmi: malore improvviso, era emorragia cerebrale

Si è accasciato a terra in mezzo a centinaia di persone che, in quel momento, erano lì per divertirsi. La vita di Raoul Biagiotti, 20 anni, di Lucca è finita dentro al locale in cui faceva il cameriere: la nota discoteca La Capannina di Franceschi in Versilia, a Forte dei Marmi. Quel lavoro l’aveva voluto per mantenersi e raggiungere una minima indipendenza economica dalla famiglia. Sabato notte aveva accusato un malore improvviso e si è accasciato a terra mentre stava lavorando. L’allarme è scattato immediato e sul posto è giunta un’ambulanza col medico, inviata dalla centrale operativa del “118”: Raoul, privo di sensi all’arrivo dei sanitari, è stato rianimato e trasportato prima all’ospedale Versilia, per poi essere trasferito a Livorno, dove la tragedia ha raggiunto il suo epilogo. La causa del decesso sarebbe una emorragia cerebrale. 

Raoul Biagiotti ha perso così la vita: erano passate da pochi minuti le 3 della notte fra sabato e domenica quando il ragazzo si è accasciato all’improvviso dentro al locale, in quel momento pieno di persone. Una tragedia improvvisa che ha colpito gli amici e la famiglia del giovane. Il ragazzo si era trovato un lavoro per mantenersi, non beveva e non fumava. La madre ha scritto un messaggio su Facebook: «Nonostante il dolore della perdita ti assicuro che ripercorrerei tutto il viaggio assieme a te: è stato un vero onore e privilegio conoscerti».


Ultimo aggiornamento: Lunedì 2 Maggio 2022, 09:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA