Covid, «mio figlio è positivo»: panico al Tribunale di Lecce, la mamma ha un malore e arriva il 118

Panico a Lecce. Subbuglio oggi al Tribunale civile dove un uomo, che stava presenziando insieme alla moglie all'udienza di separazione, ha annunciato pubblicamente che il figlio è positivo al Covid-19 ed è ricoverato in un ospedale in Veneto. La moglie, appresa la notizia, ha avuto un malore ed è svenuta.

Coronavirus, positiva una bambina al centro estivo

Si è reso necessario così l'intervento del 118, con la giudice che ha trasferito l'udienza in un'aula più sicura. E' partita subito la procedura sanitaria prevista e la ricerca delle persone entrate in contatto con individui contagiati.

L'episodio è stato confermato dalla segreteria regionale del sindacato Confsal Unsa: «È la dimostrazione che il contagio circola ancora e che la vigilanza non può cessare - commenta il segretario regionale Giovanni Rizzo - e che al contrario di quanto si potrebbe supporre, poche aule di udienza del Tribunale civile di Lecce si trovano in condizioni di sicurezza, ad esempio dotate di schermi di plexiglass. Continueremo perciò a ricordare ai datori di lavoro-capi d'ufficio che la legge non ha abolito il lavoro agile e non ha revocato l'emergenza epidemica».

Ultimo aggiornamento: Martedì 14 Luglio 2020, 18:18
© RIPRODUZIONE RISERVATA