Facebook chiede scusa alla famiglia di Totò Riina. E i post eliminati tornano visibili

Facebook chiede scusa alla famiglia di Totò Riina. E i post eliminati tornano visibili

  • 211
    share
Facebook ha chiesto scusa alla famiglia del «capo dei capi» Totò Riina per aver rimosso messaggi di condoglianze postate sul social dopo la morte del mafioso. Una portavoce di Facebook ha spiegato all'Associated Press che 'i post erano stati eliminati per errore' e adesso sono stati ripubblicati. I post di condoglianze alla famiglia Riina sono stati rimossi «dopo che alcuni utenti si erano lamentati perchè contrari alle regole di Facebook» ha spiegato la portavoce, aggiungendo che «si è trattato di un errore» ma non spiegando perchè sono stati poi rimessi online.



LEGGI ANCHE
"Un grande uomo", "RIP zio Totò": sui social in tanti piangono la sua morte

Una rosa nera e la scritta "shhh": like e cuori su Facebook alla figlia del boss



Secondo le linee guide della piattaforma creata da Mark Zuckerberg è vietato postare contenuti che sostengono gruppi criminali, terroristi o coinvolti nel crimine organizzato. Così come i loro leader. Dopo la morte del boss mafioso i profili della figlia, Maria Concetta Riina e di suo zio, Antonino Tony Ciavarello, erano stati sommersi da messaggi di condoglianze sul genere 'Buon viaggio zio Totò', ma anche di attacchi per i crimini commessi. 


 
 

Mercoledì 22 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 23-11-2017 08:39
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-11-22 21:29:11
E se chiede scusa pure facebook...cosa dobbiamo pensare!.......strano cn quale facilita'sono riapparsi tutti i messaggi di condoglianze____
2017-11-22 19:17:42
Guarda un pò ritornano online. Poi c'è gente che da anni chiede di avere accesso alla pagina di un proprio figlio defunto e non se lo filano di striscio. Oppure gente che chiede la cancellazione della pagina di un defunto che non viene rimossa nemmeno dopo anni. Vergogna. R.I.P. ma per tutte le vittime innocenti di mafia
DALLA HOME