Fabbrica di pasta sequestrata dalla Guardia di Finanza: cosa hanno trovato all'interno

Fabbrica di pasta sequestrata dalla Guardia di Finanza: cosa hanno trovato all'interno

Uno stabilimento in cui si produceva pasta è stato sequestrato dalla Guardia di Finanza nell'ambito della costante attività esercitata sul territorio volta a prevenire e reprimere condotte costituenti minaccia per l’economia legale.
I finanzieri del Comando Provinciale di Napoli hanno sottoposto a sequestro, nel comune di San Giuseppe Vesuviano, un opificio clandestino dove venivano manipolati generi alimentari senza il rispetto delle normative di settore.
 
 

Mozzarella sbiancata, pesce col lifting, pane tossico: la lista dei cibi criminali
Truffa milionaria ai risparmiatori: arrestato falso promotore finanziario

I militari della Compagnia di Ottaviano, nel corso di un’attività info-investigativa sul territorio di competenza, hanno individuato un opificio sconosciuto al fisco, all’interno del quale veniva confezionata pasta di grano duro, di incerta provenienza, senza rispettare le norme igienico-sanitarie previste per l’esercizio di tale processo di lavorazione industriale. Infatti, nel capannone erano pronte per la lavorazione circa 20 tonnellate di pasta, quest’ultima era detenuta in un ambiente non idoneo a garantire la qualità e la sicurezza del prodotto che già presentava evidenti segni di alterazione.

Al termine del servizio, le Fiamme Gialle vesuviane hanno sottoposto a sequestro l’intero immobile di circa 1.000 metri quadri nonché numerosi macchinari e attrezzature inerenti all’attività di imbustamento, unitamente all’area adiacente di circa 3.000 metri quadri adibita a discarica abusiva, ove sono risultati illecitamente stoccati più di 40 quintali di materiale ferroso, oltre a pneumatici, autoveicoli, autocarri e motocicli in disuso. Inoltre, all’interno dei locali, è stato individuato anche un lavoratore straniero, impiegato in nero. Un responsabile è stato denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Nola.
 
Giovedì 14 Febbraio 2019, 10:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA