Esplosione a Ravanusa, cinque giorni prima del crollo la rete del gas «era in regola»

Trovati altri quattro corpi: Selene con in grembo Samuele

Esplosione a Ravanusa, cinque giorni prima del crollo la rete del gas «era in regola»

di Elena Gianturco

C'era anche Selene Pagliarello tra i corpi senza vita estratti dalle macerie a Ravanusa dopo che un'esplosione sabato sera ha distrutto un intero quartiere. L'ultima speranza è svanita ieri mattina quando l'infermiera al nono mese di gravidanza è stata trovata morta nel cratere di via Trilussa insieme al marito Giuseppe Carmina e al padre di lui, Angelo, 72 anni. Il quarto corpo trovato dovrebbe essere, quello di Carmela Scibetta.

Ravanusa, l'amarezza dei vigili del fuoco: «Avremmo voluto salvare Selene»

Ravanusa, famiglia salva perché a cena fuori: «Se mio marito non avesse insistito saremmo tutti morti»

 


Mentre proseguono le ricerche degli ultimi 2 dispersi, padre e figlio di 70 e 30 anni, salgono a 7 le vittime della tragedia: otto con il piccolo Samuele. Così si doveva chiamare il bambino che Selene portava in grembo. «Aspettava un bambino che doveva nascere tra pochi giorni, era la persona che avremmo voluto trovare ancora viva» ha detto il comandante dei vigili del fuoco di Agrigento Giuseppe Merendino.


Concluse le ricerche, l'area verrà messa sotto sequestro e inizieranno gli accertamenti per capire le cause che hanno provocato la fuga di gas. La procura sta acquisendo documenti sulle manutenzioni del metanodotto. Dalle prime verifiche, i carabinieri, avrebbero appurato che cinque giorni prima della strage ci sarebbe stato un intervento di manutenzione ordinaria sull'impianto; controlli che non avrebbero evidenziato alcuna criticità. Se il collaudo sia stato fatto a regola d'arte lo dirà il verbale.

Intanto in un documento scritto nel 2014 dagli amministratori giudiziari nominati dal tribunale di Palermo nel procedimento di prevenzione che interessò Italgas, si legge che «Il 76% delle tratte di rete indagate deve essere sottoposto con urgenza a un intervento di risanamento». Da accertamenti a campione erano emerse gravi situazioni di rischio ad esempio ad Agrigento città. Italgas fa sapere che «la rete di Ravanusa non è stata oggetto di indagine e rilievi nel periodo di amministrazione giudiziaria del 2014».
riproduzione riservata ®


Ultimo aggiornamento: Martedì 14 Dicembre 2021, 07:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA