Dpcm Natale: spostamenti tra Regioni vietati dal 20 dicembre anche in zona gialla. Nodo ricongiungimento genitori e figli
di Alessia Strinati

Dpcm Natale: spostamenti tra Regioni vietati dal 20 dicembre anche in zona gialla. Nodo ricongiungimento genitori e figli

Resterà la ripartizione regionale in tre colori e dal 20 dicembre ci saranno per tutti ulteriori restrizioni. Questo è quello che succederà con il prossimo Dpcm che sarà in vigore dal 4 dicembre. Se da un lato si cerca di andare incontro alle attività commerciali dall'altro il Paese non può permettersi un "liberi tutti" che potrebbe portare una nuova impennata di contagi di coronavirus.

 

 

I ministri Speranza e Boccia illustreranno ai governatori di Regione le direttive per qesto dicembre. Molti sono i punti su cui si discute e sui quali ancora non è stata fatta chiarezza, come lo spostamento tra Regioni, l'apertura degli impianti sciistici e il coprifuoco, ma si stanno delineando sempre più i comportamenti da seguire. Probabilmente dal 4 al 20 dicembre verranno allentate alcune restrizioni, ma dopo il 20 tutto sarà di nuovo molto rigido. Prima di allora riapriranno i negozi nei centri commerciali nel weekend, verranno prorogati gli orari di apertura fino alle 21 e  i ristoranti, almeno nelle zone gialle, potrebbero riaprire anche per la cena con le dovute limitazioni anti contagio. Resta il coprifuoco che però andrà dalle 22 alle 6 e non dalle 22 alle 5 come è adesso.

 

Leggi anche > Piste da sci, le Regioni: «Aperte per chi ha seconde case o è in hotel». Ipotesi confini alpini chiusi

 

Dopo il 20 ci sarà un divieto di spostamento tra Regioni, comprese quelle che sono zona gialla e includerà anche chi ha seconde case. Il 25 e il 26 i ristoranti resteranno chiusi ovunque e la raccomandazione è di festeggiare le festività solo tra persone conviventi. Vietata ogni tipo di festa al chiuso o all'aperto. Gli hotel in zone di montagna e piste da sci resteranno chiusi, così come cinema e teatri, mentre chi svolgerà le vacanze all'estero sarà costretto a un periodo di quarantena, così come chi tornerà da paesi stranieri.

 

I ragazzi fuori sede all'università potranno molto probabilmente ricongiungersi con le loro famiglie a Natale, anche se le attività rimarranno ancora solo telematiche. Le scuole superiori riapriranno dopo il 6 gennaio, le medie resteranno in presenza fino alla terza in zona gialla e arancione, fino in prima invece in zona rossa. Le funzioni religiose sono autorizzate, anche il 24 e il 25 di dicembre, ma fino alle 22.

 

 


Ultimo aggiornamento: Martedì 1 Dicembre 2020, 14:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA