Dpcm Natale, il governo: stop spostamenti tra Regioni, coprifuoco alle 22. Tutta Italia in zona gialla

Dpcm Natale: stop spostamenti tra Regioni, coprifuoco alle 22. Tutta Italia in zona gialla

Il coprifuoco resta alle ore 22 anche a Natale e Capodanno, bar e ristoranti chiuderanno alle 18 come ora anche nelle regioni gialle, come dovrebbero diventare tutte entro le festività: è quanto sta emergendo da parte del governo nell'incontro in videoconferenza tra il ministro Francesco Boccia e le Regioni, secondo quanto si apprende. Il sistema a zone con tre colori resta in vigore.

 

Nuovo Dpcm di Natale al centro del confronto governo-Regioni-enti locali sulle misure di contenimento del coronavirus. ''Evitare gli spostamenti tra regioni e mantenere il limite delle ore 22 per la circolazione sono due punti centrali e imprescindibili del modello di sicurezza che stiamo costruendo insieme. Difendiamo insieme l’impostazione e evitiamo deroghe perché potrebbero minare la tenuta stessa dell’impianto'', ha detto il ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie Francesco Boccia, a quanto si apprende, nel corso dell'incontro.

 

''È dovere di tutti noi evitare la terza ondata e mantenere l'unità tra livelli istituzionali e la leale collaborazione che ha caratterizzato gli interventi più delicati di questi mesi'', ha detto ancora il ministro.

 

LE DATE Però le misure restrittive degli spostamenti per il Natale potrebbero essere in vigore dal 21 dicembre al 6 gennaio. È quanto trapela da fonti di maggioranza e di governo, mentre è in corso il confronto del premier Conte e dei ministri Speranza e D'Incà con i capigruppo. Non è escluso che le date varino: potrebbero iniziare il 19 o 20 e finire qualche giorno dopo l'Epifania. Ma una decisione non verrà presa prima di domani: «Oggi è una giornata di ascolto, domani sentiremo il Parlamento e di nuovo le Regioni. Solo dopo decideremo»

 

Secondo quanto si apprende, inoltre, nel corso del suo intervento all'incontro il ministro della Salute Roberto Speranza avrebbe aggiunto: "Resta la divisione del Paese in zone", anche se è ancora "in corso il confronto sulla ponderazione degli indicatori". Dai dati è "possibile che tutto il Paese nelle prossime settimane sia in zona gialla".

 

 

 

La bozza del nuovo Dpcm sarà inviata domani alle Regioni per un'ultima valutazione, secondo quanto si apprende, dovendo il provvedimento essere firmato dopodomani, 3 dicembre, ed entrare in vigore il 4. Lo avrebbe detto il ministro Francesco Boccia nella videoconferenza con gli Enti locali.


Ultimo aggiornamento: Martedì 1 Dicembre 2020, 19:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA