Coronavirus, quando ripartiremo? «Il 4 maggio la data cruciale». Ecco cosa potrebbe accadere

L’emergenza per la pandemia di coronavirus continua e la domanda che tutti si fanno è sempre la stessa: quando finirà la nostra quarantena e quando si potrà ripartire e ricominciare a vivere la nostra vita con le nostre abitudini? Una domanda a cui non è semplice rispondere, alla luce dei dati su contagi e vittime che, pur in calo, continuano ad essere centinaia.

Leggi anche > Il sangue dei guariti funziona: «Miglioramenti già dopo 3 giorni di terapia»

Se col primo decreto dello scorso 11 marzo la prima data spartiacque doveva essere il 25 marzo, poi il 3 aprile, infine la metà del mese, ora la data cruciale potrebbe invece diventare il 4 maggio 2020. Una ripresa che dovrà essere cauta e graduale, per tappe, con alcuni settori di commercio e imprenditoria che potrebbero ripartire già qualche giorno o settimana prima, scrive il Corriere della Sera.

Leggi anche > Come sta Boris Johnson: «Terapia a base di ossigeno, ma non è sotto ventilatore»

Ma sarà da maggio, dal 4 appunto, che si potrebbe forse tornare a passeggiare liberamente e incontrarsi con amici e parenti: sempre con la regola del metro di distanza e senza evitare di indossare le mascherine, e con una regola ancora in testa, quello di evitare gli assembramenti. Per concerti, eventi, discoteche, dovremo aspettare ancora a lungo.

Alla fine di questa settimana, aggiunge il Corriere, il Governo valuterà l’andamento della curva e l’indice di contagio: se dovessero scendere, potrebbe arrivare l’ok alla ripartenza per alcune imprese della filiera alimentare e farmaceutica, per alcune aziende meccaniche e per alcuni negozi. Ma per una circolazione più libera, si dovrà attendere che l’indice di contagio RO sia prossimo allo zero, il che significa che gli ingressi nei negozi e negli uffici continueranno ad essere scaglionati per evitare che la gente si accalchi pericolosamente, rendendo vani i sacrifici di queste settimane.

La ripartenza, come detto, sarà graduale: dunque almeno nella prima fase non potranno riaprire bar e ristoranti, niente feste e manifestazioni, e anche parrucchiere ed estetiste dovranno attendere, sebbene per loro si potrebbe fare un’eccezione a patto di mettersi in regola con la dotazione di protezioni individuali. Insomma in definitiva, se l’inizio di maggio potrebbe vedere una parziale uscita dalla quarantena, per tornare ai periodi pre-pandemia dovremo aspettare molto di più, forse settimane, forse addirittura mesi. E dovremo convivere, prima che con il Covid-19, soprattutto con mascherine e guanti.
Ultimo aggiornamento: Martedì 7 Aprile 2020, 15:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA