Bolzano, no vax organizzano "Corona party" per avere il green pass da guariti

Questi party sarebbero avvenuti nelle scorse settimane in diverse zone dell’Alto Adige

Video

Se da una parte c'è chi tenta di fronteggiare la quarta ondata di covid, come l'Austria che ha annunciato un nuovo lockdown e la Germania che ha imposto il modello 2G, permettendo di ottenere il Green Pass solo a chi è guarito dal Covid o si è vaccinato, dall'altra c'è chi fa il contrario. In Italia è arrivata la moda dei "Corona party". E deriva proprio dai paesi confinanti più a rischio. 

 

Leggi anche - Covid, l'allarme di Brusaferro: «Crescono casi e ricoveri tra bambini sotto i 12 anni»

 

 

 

E' quanto accade a Bolzano, dove diversi ragazzi sembra abbiano preso parte a delle feste in cui giovani, anche di età scolare e tutti No vax, incontrano – i positivi cercando di acquisire l’infezione, ottenendo il Green pass in quanto guariti, senza doversi vaccinare». A cominicarlo è Patrick Franzoni, coordinatore dell’unità anti Covid di Bolzano.«Non si rendono conto che il virus è pericoloso anche nei bambini e nei giovani» aggiunge Franzoni. 

 

Questi party sarebbero avvenuti nelle scorse settimane in diverse zone dell’Alto Adige, dove c'è già emergenza per i posti letto e dove i contagi continuano a salire. «Ci sono conseguenze a lungo termine e anche i giovani possono finire in ospedale» ha concluso Franzoni.

Un alto rischio, come conferma quanto avvenuto in Austria, dove un uomo di 55 anni è morto proprio dopo essersi infettato durante un “Corona Party”, mentre alcuni 30enni, reduci da queste assurde feste, ora soffrono di Long Covid. La situazione risulta particolarmente preoccupante in Alta Austria e Salisburgo, dove è già stato imposto un lockdown di dieci giorni. Quel che è certo è che tra le cause del boom dei contagi in Austria pesa il numero elevato di no vax e che porta il numero dei vaccinati a un tasso basso, secondo le parole del cancelliere austriaco Alexander Schallenberg.

 


Ultimo aggiornamento: Sabato 20 Novembre 2021, 14:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA