Ciro Grillo, parla la madre: «Quella sera dormivo a pochi passi da loro, non ho sentito nulla»

Ciro Grillo, parla la madre: «Quella sera dormivo a pochi passi da loro, non ho sentito nulla»

La mamma di Ciro Grillo difende ancora una volta il figlio e gli amici. Parvin Tadjik, moglie di Beppe Grillo, ha detto ai magistrati di non aver sentito nulla la notte in cui sarebbe avvenuto lo stupro. La donna, che inisieme alla governante si trovava in vacanza nella villa in Sardegna, ha affermato di non aver visto o sentito nulla di sospetto nonostante ci fossero tutte le finestre aperte.

Leggi anche > Mirko, ucciso per salvare la mamma. La prof su Fb: «Difendere gli altri era il suo motto»

Secondo quanto riporta La Stampa la donna ha affermato: «Quella sera ho accompagnato io con la mia macchina i quattro ragazzi al Billionaire perché volevo che tornassero in auto», ha spiegato che i ragazzi erano tutti tranquilli e non ha notato nulla di strano. Poi ha aggiunto: «Non abbiamo visto e sentito nulla di anomalo. Io, la mia colf che tutte le mattine faceva le pulizie e rassettava anche la dependance dei ragazzi ma neppure il giardiniere e la mia amica Cristina che, dopo un periodo di vacanza trascorso insieme a me, si era alzata presto per partire dalla Sardegna».

La depandance dove si trovavano i ragazzi era molto vicina alla loro abitazione, la mamma di Ciro specifica che le abitazioni sono separate solo da un patio, ma per maggiore tranquillità ha chiesto ai ragazzi di tenere le finestre aperte: «Avevo chiesto durante la vacanza ai ragazzi di tenere le finestre aperte della sala anche di notte, così come facevo io, in modo da essere sempre comunque in contatto con loro, fermo restando che le zanzariere restano chiuse».


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 12 Maggio 2021, 17:27
© RIPRODUZIONE RISERVATA