La seconda vita dei Bed and Breakfast: «Prenotazioni azzerate? Affitto le case come uffici»
di Sabrina Quartieri

La seconda vita dei Bed and Breakfast: «Prenotazioni azzerate? Affitto le case come uffici»

Roberta D'Onofrio è una Superhost Airbnb di Roma con le prenotazioni azzerate a causa dell'emergenza sanitaria. Ma Roberta è anche una startupper con tre bambini da gestire, lavorando in smart working da casa. Vive così da quando è iniziato il lockdown per il Coronavirus e potrebbe essere lei la prossima vittima del videobombing, come è già capitato a molti genitori. In pratica, durante una videocall con il capo o con un cliente, entra inaspettatamente in stanza il loro bebè, magari vestito da supereroe. La situazione, per lei come per molte famiglie, non cambierà fino ad almeno il prossimo settembre, quando dovrebbero riaprire le scuole.

Leggi anche > Coronavirus, tra i "congiunti" anche gli "affetti stabili. Ma per spostarsi resta l'autocertificiazione

Così, Roberta ha pensato a un'alternativa, per chi se la può permettere, dai manager ai liberi professionisti che fatturano a sufficienza. La soluzione è il portale www.bnbworkingspaces.it, dove si possono affittare case vacanze romane riadattate a uffici, con spazi computer friendly, connessione Wi-Fi ad alta velocità, sedie ergonomiche, pulizie anti-Covid-19 e sistemi di self check-in.

«Nella Capitale Airbnb conta 30mila appartamenti e il settore, in tutta Italia, registra un calo del giro d'affari pari al 90%», spiega la startupper che offre un'alternativa agli host con le case vuote. Per ora di Roma (un monolocale a Monti costa circa 40 euro al giorno, 100 un appartamento con più stanze), ma presto anche di Milano.

L'offerta capitolina si aggiunge agli spazi coworking che si preparano a riaprire il 4 maggio, riattrezzati per la sanificazione, i percorsi a terra per il distanziamento e i pannelli parafiato: «Per fortuna spiega Maria Teresa Diodati, Ceo di Industrie Fluviali a Ostiense i contratti con le società che usano i nostri spazi sono almeno semestrali. Così, siamo riusciti a sopravvivere, accordando una dilazione di pagamento sugli affitti del 50% degli importi».


Ultimo aggiornamento: Martedì 28 Aprile 2020, 09:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA