Guenda Goria è stata operata e mostra i punti: le sue prime parole

Guenda Goria è stata operata e mostra i punti: le sue prime parole

Guenda Goria è stata operata. La figlia di Maria Teresa Ruta e Amedeo Goria (nuovo inquilino del GF) aveva annunciato attraverso i suoi profili social di essere stata ricoverata in ospedale e di essere in attesa di sottoporsi a un intervento a causa dell'endometriosi, una malattia di cui soffrono molte donne e che ha definito «invalidante». Una volta finito tutto, ha mostrato i punti e aggiornato i followers sulle sue condizioni.

 

Leggi anche > Grande Fratello Vip, svelati i nomi e i volti dei 22 nuovi concorrenti: ecco tutto il cast

 

Guenda Goria operata, come sta

Le sue prime parole sono state di ringraziamento: «Vi annuncio con gioia che l’intervento è andato molto bene. Ora mi sto riprendendo pian piano. Grazie di cuore al professor Candiani che mi ha operata e a tutta l’ equipe del San Raffaele.
In questi giorni mi avete dato tanto affetto e ho sentito la vicinanza di tantissime donne come me. Grazie. Ma la gioia più grande è stato sapere che, grazie al mio post, alcune di voi si sono rispecchiate nei miei sintomi e hanno deciso di fare delle analisi approfondite e hanno scoperto di soffrire di endometriosi.Ho superato il mio primo giorno di scuola, adesso ho un gran desiderio di vita».

 

 

Guenda Goria operata, come sta

 L’ex gieffina ha informato di stare molto meglio dopo l’intervento. Su Instagram aveva parlato dell'endometriosi come di una patologia che colpisce tantissime donne (1 su 10 circa) e che troppo spesso non viene diagnosticata. «Si tende a pensare che avere mestruazioni dolorose o avere difficoltà nei rapporti, dolori intestinali, colite cronica, stanchezza, siano cose normali. In realtà non è così. Tantissime donne soffrono di endometriosi senza saperlo. Può colpire molti organi e compromettere gravemente la salute. Per chi ne soffre il rischio di infertilità è molto alto. Avere un figlio è davvero difficile, se non impossibile. L’endometriosi è fortemente invalidante e non c’è cura. Bisogna imparare a conviverci. A me ha insegnato a godermi i momenti più belli. Quante vite possiamo vivere? Domani sarà un po’ come il primo giorno di scuola per me. Pensatemi!».

 

 

 


Ultimo aggiornamento: Martedì 7 Settembre 2021, 21:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA