Carolina Marconi a Storie Italiane: «Il tumore non c'è più. Ora voglio diventare mamma»

Carolina Marconi a Storie Italiane: «Il tumore non c'è più. Ora voglio diventare mamma»

A Storie Italiane, in una speciale puntata dedicata a Telethon, interviene Carolina Marconi, che da poco ha finito i cicli di chemioterapia per il tumore al seno scoperto qualche mese fa. L'ex gieffina comunica a tutti in diretta di essere guarita e racconta quello che è stato il suo percorso pensando anche al futuro.

Leggi anche > Striscia la Notizia, Tapiro a Ilary Blasi che provoca Fabrizio Corona: «La verità è che mi ama»

«Sono stata circondata da tanto amore e questo per un malato è importante perché ti distrae». Poi in diretta annuncia: «Ho fatto la mammografia qualche giorno fa ed è tutto pulito, non c'è nulla. Ricordo quell'esame con ansia, ho chiesto ogni minuto se il dottore vedeva qualcosa ma alla fine il medico mi ha detto che era tutto ok e ho tirato un respiro di sollievo».

Eleonora però ricorda anche gli attacchi avuti sul web dopo che ha raccontato del tumore: «Aveva deciso di raccontare la malattia sui social e condividere questo percorso ma alcune persone hanno riversato su di lei molto odio». Ma Carolina tiene a precisare che le persone che le hanno riversato odio sono poche e che ha ricevuto molta solidarità. A loro rivolge un messaggio: «Mi dispiace che siate così arrabbiati, lasciatevi andare all'amore».

Carolina poi ha parlato dei suoi progetti futuri e primo tra tutti c'è quello della maternità. Ha spiegato che per i prossimi 5 anni farà una cura ormonale per cercare di avere un figlio. Il medico che la tiene in cura, in studio con lei, spiega che è in un momento in cui può affrontare la gravidanza: «Mi auguro di poterla vedere presto con il pancione». Poi entra nel dettaglio: «Abbiamo gli ovociti conservati, li utilizzeremo quando sarà più stabile, questo ci dà una grande speranza». Carolina è felice del percorso che sta affrontando ma ribadisce: «Spero di avere il pancione, ma se non dovesse essere ci sono tanti bambini che hanno bisogno e io non vedo l'ora di accoglierli in casa mia».


Ultimo aggiornamento: Venerdì 17 Dicembre 2021, 14:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA