Putin minaccia: «Ucraina, accordo inevitabile. Nucleare? Chi ci attacca sarà cancellato dalla faccia della Terra»

Il presidente russo: «La Russia avrebbe dovuto avviare prima l'operazione in Ucraina, ma sperava di fare un accordo come parte del Protocollo di Minsk 2»

Putin minaccia: «Ucraina, accordo inevitabile. Nucleare? Chi ci attacca sarà cancellato dalla faccia della Terra»

Vladimir Putin ammette che un «accordo sull'Ucraina è inevitabile», ma continua a puntare il dito contro l'Occidente, colpevole di «usare gli ucraini come carne da macello» contro la Russia. E oltre a minacciare un taglio della produzione del petrolio in risposta al price cap, torna a fare la voce grossa evocando il nucleare: «Chiunque lo userà contro di noi verrà cancellato dalla faccia della Terra, ma non sarà la Russia la prima a usare le armi atomiche».

Gli Usa non si fidano dell'Ucraina: «Missili Himars depotenziati per non colpire la Russia». La mossa per evitare la guerra mondiale

Putin apre ai colloqui di pace: «Ma non alle condizioni di Biden». Il retroscena sulla malattia: «È caduto dalle scale»

Cosa ha detto Putin

«Vediamo le gravi conseguenze di tali azioni oggi in Ucraina - continua Putin -. Per un certo numero di anni, l'Occidente ha spudoratamente sottratto e sfruttato le sue risorse, ha incoraggiato il genocidio e il terrore nel Donbass, ha trasformato questo paese in una sua colonia e ora usa cinicamente il popolo ucraino come carne da macello, come ariete contro la Russia, continuando a fornire all'Ucraina armi e munizioni, inviando mercenari, la sta spingendo su un percorso suicida», ha detto il presidente. Secondo il leader del Cremlino, inoltre, gli Stati Uniti hanno puntato sull'espansione aggressiva della Nato distruggendo l'architettura di stabilità strategica che si era creata per decenni.

ll retroscena sulla guerra

 

«La natura e la portata delle minacce moderne impongono crescenti esigenze alla nostra interazione nei dipartimenti della difesa. È necessario lavorare insieme per formare un sistema di sicurezza e di cooperazione più flessibile e sostenibile che sia adeguato alle sfide attuali e possa essere basato sul diritto internazionale e sul rispetto degli interessi reciproci», ha aggiunto Putin. Poi un retroscena sulla guerra in Ucraina: «La Russia avrebbe dovuto avviare prima l'operazione in Ucraina, ma sperava di fare un accordo come parte del Protocollo di Minsk 2».

 

Taglio al petrolio

La Russia minaccia di tagliare la produzione di petrolio in caso di imposizione del price cap e di non venderlo a quei Paesi che lo adotteranno. Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin, riporta la Tass. «Il decreto di risposta al price cap sul petrolio russo sarà pubblicato nei prossimi giorni», ha aggiunto Putin.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 9 Dicembre 2022, 19:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA