Picchiano la figlia e poi le danno un forte antidolorifico: bimba di 2 anni muore avvelenata
di Alessia Strinati

Picchiano la figlia e poi le danno un forte antidolorifico: bimba di 2 anni muore avvelenata

I segni delle violenze erano su tutto il corpo, così hanno deciso di ucciderla per sbarazzarsene. La 26enne Abigail Leatherland e il compagno 31enne Thomas Curd, hanno ucciso la figlia di lei di appena 2 anni nel loro appartamento Liskeard, in Cornovaglia. La coppia da tempo picchiava la piccola e aveva deciso di somministrarle delle dosi massicce di antidolorifico per non farla lamentare.

Papà cerca di violentare la figlia, la moglie lo scopre e lo uccide con 185 coltellate



I due hanno chiamato i soccorsi dicendo che la bambina non dava segni di vita, una volta sul posto i paramedici hanno provato a rianimarla ma per lei non c'è stato nulla da fare. La bambina veniva ripetutamente picchiata, gli esami sul suo corpicino hanno mostrato evidenti segni di fratture e traumi. La bimba aveva il cranio fratturato e le costole rotte, il fegato danneggiato e numerose altre lesioni alle ossa. Quello che l'ha uccisa però è stata la codeina: un potente antidolorifico che non va assolutamente dato ai bambini che i genitori le somministravano per far sì che non si lamentasse e non li facesse scoprire.

Secondo quanto riporta la stampa locale i due hanno sempre negato ogni accusa. Secondo l'accusa invece i due genitori, dopo averla brutalmente picchiata, piuttosto che chiamare un medico le hanno dato un potente antidolorifico continuando a restare in casa a giocare con i videogiochi. I due sono entrambe in carcere e in attesa di processo. 
Ultimo aggiornamento: 14 Marzo, 11:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA