Notre-Dame, ipotesi complotto: «È stato l'Isis, o Macron. O un castigo di Dio contro il Papa»

Notre-Dame, ipotesi complotto: «È stato l'Isis, o Macron. O un castigo di Dio contro il Papa»

Le indagini sull'incendio che ha colpito la cattedrale di Notre-Dame a Parigi sono state ufficialmente aperte per danneggiamento colposo (quindi non voluto, ma provocato dalla negligenza di chi era impegnato nei lavori di restauro). Ma chi sono gli inquirenti francesi, di fronte ai fantasiosi complottisti sul web? In molti parlano di «sicuro attentato terrorista di stampo islamico», ma non mancano anche altre meravigliose varianti.

Notre-Dame in fiamme, i jihadisti esultano sul web: «Distrutto simbolo della cristianità»
Notre-Dame, ecco perché non sono stati usati i canadair per spegnere l'incendio​



In molti, sul web, sostengono che non sia possibile far dilagare così in fretta le fiamme che hanno coinvolto la cattedrale di Notre-Dame. E molti sono sicuri: «Sicuramente ci sarà stato qualche operaio musulmano impegnato nei lavori di ristrutturazione, in quel caso non ci sarebbero dubbi». L'unico indizio a supporto di questa tesi sono i festeggiamenti di alcuni sostenitori dell'Isis sul web.

La versione dell'attentato jihadista non vi soddisfa? Tranquilli, i complottisti sanno benissimo come scatenare la fantasia. In molti sostengono che l'incendio sia stato ordito da Emmanuel Macron, in una sorta di '11 settembre francese': «Ricordate Bush in difficoltà e l'attentato che lo fece diventare il salvatore della patria? Ora accadrà anche a Macron». Secondo i complottisti, si potrebbe trattare anche di una vendetta per la difficile situazione in Libia e, allo stesso tempo, di un pretesto per giustificare un'azione militare francese nel paese nordafricano.

C'è chi, invece, considera l'incendio di Notre-Dame non un attentato compiuto dall'uomo, bensì un castigo di origine divina. Alcuni utenti, sul web, hanno scritto: «Uno dei simboli della cristianità va a fuoco a poche ore di distanza da un episodio assolutamente grave come il bacio dei piedi di Papa Francesco a Salva Kiir, leader del Sud Sudan. Non è casuale, è giustizia di Dio che punisce gli uomini empi».
Lunedì 15 Aprile 2019, 23:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA