In carcere per errore: liberato dopo 37 anni un uomo, accusato di omicidio da un falso testimone

In carcere per errore: liberato dopo 37 anni un uomo, accusato di omicidio da un falso testimone

A scoprire la verità è stato il procuratore distrettuale di Philadelphia

Caso choc a Philadelphia. Dopo 37 anni in carcere con l'accusa di omicidio di una donna, l'uomo ritenuto colpevole è stato liberato. Un tribunale federale ha scoperto che l'accusa, sempre negata dal condannato Willie Stokes, non corrispondeva al vero: i pubblici ministeri hanno occultato le prove di falsa testimonianza fornite da un testimone chiave. In cambio di dichiarazioni mendaci, secondo il legale di Stokes, la polizia di Philadelphia avrebbe offerto sesso e droga.

 

Leggi anche - Nadeem, cristiano in prigione in Pakistan per blasfemia: libero dopo 4 anni

 

Annullata dunque la condanna per omicidio, di seguito alla quale Stokes è stato liberato: il tribunale ha ordinato che fosse processato di nuovo entro 120 giorni o rilasciato. L'avvocato Michael Diamondstein ha spiegato che Stokes dovrebbe comparire in tribunale il 27 gennaio, quando l'ufficio del procuratore distrettuale probabilmente informerà della sua decisione finale di archiviare la questione o riprocessarlo. «Ha fatto i suoi primi respiri da uomo libero dopo quasi 40 anni, ed è molto felice» ha detto l'avvocato.

A scoprire la verità è stato il procuratore distrettuale di Philadelphia, Larry Krasner, che ha notato scorrettezze nelle pratiche legali  «l'accusa dilaganti "durante gli anni '80 e '90, e che sfortunatamente persistono in troppe giurisdizioni oggi». Negli anni, l'uomo ha presentato numerose petizioni e appelli per ribaltare la sua condanna, sempre respinti su base procedurale. Ad incastrarlo era stato il testimone chiave Franklin Lee, il quale lo aveva accusato di omicidio, salvo poi, a novembre, ammettere che aveva detto il falso e spiegando di essere stato condannato poi per spergiuro. Condanna che è stata tenuta nascosta a Stokes e ai suoi avvocati. Lee ha spiegato che nel 1984 era in prigione con l'accusa di omicidio e stupro quando è stato avvicinato da due detective che gli hanno offerto «sesso, droga e un accordo» per la riduzione di pena se avesse incastrato Stokes. 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 6 Gennaio 2022, 21:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA