Guerra in Ucraina, la diretta. Kiev: «Mosca lascia i cadaveri dei suoi soldati per non risarcire le famiglie»

Tutti gli aggiornamenti sul conflitto in tempo reale

Kiev: «Mosca lascia i cadaveri dei suoi soldati per non risarcire le famiglie». Missili verso Kiev

Guerra in Ucraina, la Russia attacca e prova ad avanzare ancora: le forze prendono la seconda centrale elettrica del Paese mentre Kiev accusa Mosca di abbandonare i corpi dei suoi soldati morti in Ucraina per evitare di pagare un risarcimento alle loro famiglie.

Guerra in Ucraina, diretta

 

Ore 7.52 - Le forze armate ucraine segnalano che nove missili hanno colpito questa mattina la regione di Chernihiv. Lo riferisce il Guardian, che cita anche il governatore locale Viacheslav Chaus, secondo cui alcuni missili sono stati lanciati da territorio bielorusso e hanno colpito la comunità di Honcharivska intorno alle 5 del mattino ora locale. Anche l'agenzia uncraina Ukrinform dà conto dell'attacco e cita la sindaca di Chuhuiv, Halyna Minaieva, che su Telegram si è rivolta alla sua comunità affermando tra l'altro che i missili hanno colpito anche edifici residenzuiali. E che sono in corso verifiche per stabilire se ci sono vittime.

Ore 7.37 - Le forze russe hanno sferrato un attacco missilistico contro la regione di Kiev nelle prime ore del mattino di oggi, stando a quanto riferisce il governatore locale secondo cui l'attacco avrebbe colpito infrasrtrutture nella zona. In un aggiornamento su Telegram, citato anche dal Guardian, il governatore Oleksiy Kuleba ha riferito dell'attacco lanciato contro il distretto di Vyshgorod, a nord della capitale ucraina, precisando che sono in corso verifiche per stabilire se ci sono viottime. Le autorità municipali a Kiev hanno inoltre a loro volta diramato un allarme aereo indicando così ai residenti di assicurarsi di essere al riparo.

Ore 5.50 - Kiev accusa la Russia di abbandonare i corpi dei suoi soldati morti in Ucraina per evitare di pagare un risarcimento alle loro famiglie. In un'intervista all'Irish Time, il portavoce del ministero degli Esteri ucraino Oleg Nikolenko afferma che i russi «non prelevano i cadaveri dal campo di battaglia perché secondo la loro legislazione la famiglia di ogni soldato morto riceve sette milioni di rubli. Niente invece se risulta scomparso: nessun corpo significa niente soldi». Secondo quanto riportato dall'agenzia Interfax, a marzo il presidente Vladimir Putin ha dichiarato al Consiglio di sicurezza russo che le famiglie dei militari uccisi nella cosiddetta «operazione militare speciale» in Ucraina avrebbero ricevuto un pagamento forfettario di 7,421 milioni di rubli (circa 121.000 euro) più un compenso mensile.

Guerra, Kherson, è sotto attacco. «I russi lascino la città». Bombardato lo strategico ponte Antonivs'ky

Ore 5.12 - Le ultime dichiarazioni del ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov secondo cui la Russia è pronta a negoziare sarebbero solo uno stratagemma per fermare la controffensiva dell' Ucraina, secondo il portavoce del ministero degli Esteri ucraino Oleg Nikolenko. «Capiscono che l' Ucraina sta preparando una controffensiva nel sud e vogliono creare l'impressione che sia Kiev a non essere disposta a negoziare», ha detto Nikolenko in un'intervista all'Irish Time. «Lo fanno per guadagnare più tempo, per inscenare falsi referendum e assorbire territori - continua il portavoce del ministero degli Esteri ucraino -. Non vediamo alcuna volontà da parte loro di negoziare. Stanno ancora bombardando le città ucraine. Stanno ancora violando accordi, come quello sul grano. Dicono una cosa pubblicamente, ma ne fanno altre sul campo di battaglia».

Le forze russe hanno preso il controllo della seconda centrale elettrica più grande dell' Ucraina. Lo ha confermato il governo di Kiev, dopo l'annuncio di Mosca. Le truppe filorusse «hanno ottenuto un piccolo vantaggio tattico: hanno conquistato» la centrale a carbone di «Vuhlehirsk», ha detto il consigliere presidenziale ucraino Oleksiy Arestovych in un'intervista pubblicata su YouTube e riportata dai media internazionali.

Russia, Moldavia ha paura. La premier Gavrilita: «Pronti a invaderci, truppe in Transnistria»»

Ore 4.31 - Sono 75.000 i russi uccisi o feriti nella guerra in Ucraina. Lo riferiscono fonti dell'amministrazione Usa in un briefing al Congresso secondo quanto riportato dalla Cnn. Oltre l'80% delle forze di terra di Mosca, inoltre, sono «impantanate» e sono stanche, laddove l'esercito di Kiev sta aspettando rinforzi e si prepara a lanciare una controffensiva nel sud prima dell'inverno.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 28 Luglio 2022, 16:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA