Guerra, Kherson, è sotto attacco. «I russi lascino la città». Bombardato lo strategico ponte Antonivs'ky

Il conflitto in tempo reale

Kherson è sotto attacco. «I russi lascino la città» Bombardato lo strategico ponte Antonivs'ky

Siamo al giorno 154 del conflitto Russia-Ucraina. Continua incessantemente la guerra tra attacchi e rivendicazioni. 

Nuovo attacco delle forze di Kiev in zona sud occupata dai russi. Nella regione di Kherson, nel sud dell'Ucraina, occupata dai russi, sono stati segnalati nuovi attacchi delle forze ucraine allo strategico ponte Antonivskiy, che attraversa il fiume Dnieper. Lo riferisce il Guardian online specificando che le notizie non possono essere confermate in modo indipendente. «Esplosioni nell'area del ponte Antonivskiy», hanno annunciato le forze armate ucraine in un aggiornamento su Telegram poco prima della mezzanotte, insieme a un video che mostrerebbe una raffica di colpi. «Secondo quanto riferito, abbiamo un altro pesante attacco ucraino sul ponte Antonivskiy, la principale linea di rifornimento russa nella Kherson occupata», si legge in tweet di Illia Ponomarenko, giornalista del Kviv Independent.

Russia, Moldavia ha paura. La premier Gavrilita: «Pronti a invaderci, truppe in Transnistria»»

Guerra in Ucraina, bombardato ponte di Kherson

«Si può chiamare il ponte di Antonivs'ky un mezzo di difesa aerea che intercetta tutti i missili ucraini, ma non si può sfuggire alla realtà: gli occupanti dovrebbero imparare a nuotare attraverso il fiume Dnipro. Oppure dovrebbero lasciare Kherson finché è ancora possibile. Potrebbe non esserci un terzo avvertimento». Così Mykhailo Podoliak, consigliere del presidente ucraino Voldymyr Zelensky, rivendica su twitter l'attacco al ponte principale di Kherson e avvisa i russi ad abbandonare la città occupata sulla quale gli ucraini hanno lanciato una controffensiva.

Ore 9.09 - Il presidente ucraina, Volodymyr Zelensky, ha nominato Andriy Kostin nuovo procuratore generale, circa una settimana dopo che il parlamento ha approvato la destituzione di Irina Venediktova, rimossa dall'incarico insieme al capo dei servizi di sicurezza, Ivan Bakanov. Zelenski ha inviato in giornata una bozza di risoluzione con la nomina di Kostin, membro del partito del Servitore del popolo, fondato dal presidente, secondo un comunicato diffuso dalla Verkhovna Rada attraverso il suo sito web. Venediktova è stata sostituita ad interim da Oleksiy Simonenko dopo il suo allontanamento dall'incarico. 

Missili Himars, l'arma della svolta: così l'artiglieria russa viene decimata da Kiev

Ore 8.36 - Kharkiv è stata colpita da un attacco missilistico russo. A dichiararlo è stato su Telegram il sindaco Ihor Terekhov: «Alle 4:25 il distretto industriale di Kharkiv è stato bombardato. Sono arrivati ​​due missili S-300», ha scritto Terekhov, precisando che «i soccorritori sono già sul posto, scavando tra i detriti. Non ci sarebbero vittime, ma finora si tratta solo di informazioni preliminari. Vorrei che fosse così», ha aggiunto. Anche lo stato maggiore delle forze armate ucraine ha diffuso un aggiornamento sulla situazione questa mattina, affermando che la Russia ha effettuato attacchi contro una serie di aree, tra cui Kharkiv, Chuguyiv, Shevelivka e Krasnopillya.

 

Ore 8.27 - La Russia ha perso quasi 40mila uomini da quando ha avviato l'operazione di invasione dell'Ucraina. A dichiararlo è stato il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky: «Per quattro mesi, lo stato russo non ha fornito ai suoi cittadini alcuna informazione sulle perdite del contingente di occupazione. Silenzio totale. Nulla è stato pubblicato o detto in numerose interviste e discorsi a livello politico e militare. Tuttavia, questo numero è già quasi di 40mila, ovvero il numero di persone che l'esercito russo ha perso dal 24 febbraio. E altre decine di migliaia di persone sono state ferite», ha affermato il capo dello stato ucraino nel corso del suo ultimo discorso alla nazione.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 28 Luglio 2022, 06:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA