Russia, Moldavia ha paura. La premier Gavrilita: «Pronti a invaderci, truppe in Transnistria»»

La capitale della Moldavia Chisinau dista appena 3 ore e mezza di macchina da Odessa, dove oggi sono caduti diversi missili di Mosca

Russia, Moldavia ha paura. La premier Gavrilita: «Pronti a invaderci, truppe in Transnistria»»

Mentre l'offensiva russa si sposta nel sud e nell'ovest dell'Ucraina c'è qualcuno al di là del confine che si prepara al peggio. La capitale della Moldavia Chisinau dista appena 3 ore e mezza di macchina da Odessa, dove oggi sono caduti diversi missili di Putin. «Siamo molto preoccupati, soprattutto considerando che le truppe (russe ndr) si trovano in Transinistria» ha detto  in un'intervista alla Cnn il primo ministro della Moldova Natalia Gavrilita.

La presidente ha affermato anche che la Moldavia, incastonata tra Romania e Ucraina con appena 2 milioni e mezz di abitanti potrebbe essere il prossimo obiettivo invaso da Putin. «Stiamo facendo tutto il possibile per mantenere la pace e la stabilità e per garantire che i combattimenti non si intensifichino». Nessun paese è al sicuro, se un altro paese può iniziare un'azione militare senza riguardo per la legge internazionale dice.

Ue, sì alla candidatura di Ucraina e Moldavia. Esulta Zelensky

La Transinistria è la chiave della strategia di Putin 

A destare preoccupazione a Chisinau sono soprattutto le truppe russe che si trovano nella regione secessionista della Transnistria . Sulla carta quella striscia di terra compresa tra il confine Moldavo-ucraino e il fiume Dniester è territorio Moldavo, ma di fatto è controllato da Mosca che ha appoggiato una secessione dopo un breve conflitto armato avvenuto nel 1992. Ora potrebbe essere proprio questo lembo di terra la chiave di volta della strategia di Mosca. Secondo gli analisti il Cremlino sta cercando di creare un ponte di terra tra il territorio occupato nell'Ucraina orientale (la regione del Donbass) e la Transnistria a Ovest, conquistando tutta la costa ucraina sul Mar Nero e togliendo a Kiev l'accesso sul mare. 

La possibile invasione «Per ora è uno scenario ipotetico, ma se le azioni militari si spostano più nella parte sud-occidentale dell'Ucraina  e verso Odessa, allora ovviamente siamo molto preoccupati».  


Ultimo aggiornamento: Martedì 26 Luglio 2022, 18:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA