Coronavirus, in Cina cordone sanitario in 18 città. Burioni: «Può essere trasmesso da persone senza febbre e senza sintomi»

video
In Cina è ormai guerra senza quartiere al coronavirus, con controlli a tappeto sui mezzi di trasporto e cordoni sanitari estesi a 56 milioni di persone in diverse città. Lo stesso presidente Xi Jinping non ha nascosto la sua preoccupazione, parlando di situazione «grave» perché l'epidemia sta «accelerando». E l'allerta è massima anche oltre confine: gli Stati Uniti, dove si sono registrati due contagi, hanno disposto l'evacuazione dei connazionali da Wuhan, città epicentro della malattia, che appare un deserto dove non possono circolare nemmeno le auto.

Leggi anche > Coronavirus, Xi Jinping ammette: «Si sta diffondendo sempre più rapidamente»

 
 


Continua a salire il numero dei morti tra le persone colpite dal coronavirus simile alla Sars in Cina.
Un medico, Liang Wudong di 62 anni, è morto dopo essere stato contagiato dal coronavirus mentre lavorava nell'Hubei Xinhua Hospital di Wuhan, epicentro dell'epidemia. Lo riferiscono i media locali.

Le vittime ora sono 42 con 1.287 infezioni confermate in 30 province del Paese, ha riportato oggi la televisione di stato Cctv. Oltre 500 casi sono si sono registrati nella città di Wuhan dove le vittime sono 39, secondo quanto reso noto dalle autorità della provincia di Hubei. Gli altri due decessi si sono avuti nelle province di Hebei e di Heilongjiang.
Le autorità sanitarie cinesi stanno inviando squadre di medici per affrontare l'emergenza sanitaria a Wuhan. Secondo quanto reso noto dalla Commissione sanitaria nazionale nella città sono stati inviati 1.230 medici arrivati da Shanghai, Guangdong e dagli ospedali militari.

Parla il virologo. La trasmissione del virus potrebbe avvenire anche senza sintomi: lo scrive il medico Roberto Burioni sul sito web, riferendosi all'articolo pubblicato sulla rivista The Lancet che ricostruisce la trasmissione del virus da persona a persona all'interno di un gruppo familiare. «Sembra possibile l'esistenza di pazienti asintomatici, che stanno bene, non hanno febbre, ma possono diffondere il coronavirus. Il che significa - scrive Burioni - che la misurazione della temperatura agli aeroporti potrebbe non essere sufficiente per bloccare la diffusione della malattia. La lotta contro quest'infezione sarà più difficile del previsto».

 

Le autorità di Pechino hanno emesso una nuova e drastica misura per contenere l'epidemia di coronavirus. A partire da lunedì tutti i servizi per i tour di gruppo all'estero forniti dalle agenzie di viaggio cinesi, comprese le prenotazioni alberghiere e dei biglietti aerei, saranno sospesi. Lo riferito la tv di Stato Cctv, aggiungendo che i tour organizzati all'interno della Cina sono stati sospesi ieri.

La Cina ha ordinato misure a livello nazionale per identificare i casi sospetti del coronavirus su treni, aerei e autobus poiché il bilancio delle vittime e il numero di pazienti è aumentato in maniera spropositata. Lo ha annunciato la Commissione sanitaria nazionale. Esteso il cordone sanitario volto a circoscrivere l'infezione del coronavirus. I provvedimenti riguardano ora 56 milioni di persone.
Saranno istituiti alcuni punti di ispezione e tutti i viaggiatori con sintomi di polmonite saranno «immediatamente trasportati» in un centro medico, ha annunciato la Commissione nazionale sanitaria in una nota.

 
 


Nel tentativo di contenere l'epidemia, le autorità cinesi hanno bloccato i mezzi di trasporto con 12 città cinesi isolando 43 milioni di persone. La misura è stata presa in occasione del weekend dei festeggiamenti del Capodanno cinese, periodo che segna lo spostamento all'interno del Paese centinaia di milioni di persone.

Coronavirus, Ricciardi: «Il vaccino arriverà presto grazie alla Sars»

Coronavirus, a Wuhan via ai lavori per un nuovo ospedale: «Sarà pronto in 10 giorni»

Il ministro della Sanità dello stato australiano di Victoria, Jenny Mikakos, ha confermato il primo caso di infezione dal nuovo coronavirus in Australia. Si tratta di un uomo sulla cinquantina, di nazionalità cinese, che è stato a Wuhan prima di tornare a Melbourne il 19 gennaio scorso. In una conferenza stampa Mikakos ha detto che il paziente è ricoverato in isolamento e le sue condizioni sono stabili. «È importante sottolineare che non c'è motivo di allarme per la comunità», ha aggiunto.

 

Ultimo aggiornamento: Domenica 26 Gennaio 2020, 08:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA