Allevatrice di Maine Coon muore in casa: 20 gatti si nutrono con il suo cadavere per settimane

Allevatrice di Maine Coon muore in casa: 20 gatti si nutrono con il suo cadavere per settimane

La donna è morta nella sua casa in Russia dove viveva con 20 gatti che per due settimane si sono nutriti del cadavere della padrona

Il cadavere di un’allevatrice di gatti è diventato il pasto di 20 Maine Coon rimasti per due settimane senza cibo. La donna è stata trovata smembrata e in avanzato stato di decomposizione dalla polizia allertata da un collega della donna preoccupato di non riuscire a mettersi in contatto con lei.

 

Nella casa a Bataysk, nella regione di Rostov, in Russia, intorno al corpo della donna c’erano i gatti affamati. Gli investigatori hanno spiegato che si è trattato di una morte naturale avvenuta circa due settimane prima. I gattoni così rimasti chiusi in casa senza padrona né viveri hanno affrontato la dura realtà nutrendosi del cadavere della proprietaria. «I gatti sono stati lasciati soli per due settimane, non c'era cibo. Hanno mangiato quello che c'era. È comprensibile vero?» ha scritto l’associazione che si è presa cura di alcuni dei gatti sopravvissuti e che ha postato un video su Instagram.

 

Leggi anche > Uccide bimbo di 5 anni e convince la madre a coprirlo: «E' sparito per seguire un gatto»

 

Alcuni dei gatti ora hanno trovato una nuova casa, non è però chiaro se i neo proprietari sappiano quello che i felini hanno dovuto fare per sopravvivere. Secondo un gruppo di scienziati, riporta il New York Post, i padroni di gatti che muoiono in casa rischiano di essere mangiati vivi dai loro mici affamati. La scoperta è avvenuta casualmente in un centro di ricerca in Colorado negli Stati Uniti dove due gatti sono riusciti ad entrare per mangiare i cadaveri presenti a scopo di ricerca. Il peloso duo sarebbe tornato a banchettare per diverse settimane mostrando una preferenza per i tessuti di braccia, petto e spalle. Non solo. I felini avrebbero scelto un solo cadavere e continuato a nutrirsi solo da quello.

 

 

 


Ultimo aggiornamento: Venerdì 17 Giugno 2022, 21:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA