Gli smartphone fanno crescere le corna: colpa della posizione curva sullo schermo

di Ernesto De Franceschi
Ai giovani millennial crescono "le corna" sul cranio usando troppo gli smartphone, lo affermano gli scienziati con prove concrete alla mano. I Millennial si stanno facendo crescere le corna sui loro crani a causa dell'eccessivo uso di smartphone. Gli scienziati sostengono che le punte sono un effetto collaterale del tempo che trascorrono, in media si calcola quasi quattro ore al giorno, a fissare gli schermi.

Cifosi da smartphone e tablet, è allarme tra i bambini



I professori della University of the Sunshine Coast nel Queensland, in Australia, come riporta The Sun, hanno visto un numero crescente di giovani con le escrescenze ossee nella parte inferiore del cranio. I picchi da 3 cm sono noti come protuberanze occipitali esterne ingrandite o EEOP. La sconvolgente scoperta è stata fatta quando il dott. David Shahar e il professore associato Mark Sayers stavano esaminando più di 200 radiografie di persone di tutte le età. Hanno scoperto che quasi la metà di quelle età tra i 18 ei 30 anni aveva sviluppato le crescite. Incuriositi dalle loro scoperte, ulteriori test e scansioni MRI hanno escluso la genetica o il danno come causa. Questa non è la prima volta che queste anomalie sono state trovate negli esseri umani.

 
 

Sono stati discussi per la prima volta nel 1800 ed erano rari, ma i professori ritengono che il tempo sullo schermo sia la causa per cui divengono molto più comuni. Le ore trascorse a scorrere potrebbero mettere a dura prova le parti del corpo meno utilizzate che cambiano effettivamente la loro morfologia. Il Dr Shahar ha detto alla BBC: "Sono stato un clinico per 20 anni, e solo nell'ultimo decennio ho scoperto sempre più che i miei pazienti hanno questa crescita sul cranio". Secondo una ricerca rivelata l'anno scorso, la persona media trascorre 24 ore alla settimana a fissare i propri schermi, soprattutto lo smartphone

In media, le persone controllano i loro telefoni ogni 12 minuti, secondo Ofcom. Il dott. Shahar ha aggiunto: "Spostando la testa in avanti si ottiene il trasferimento del peso della testa dalle ossa della colonna vertebrale ai muscoli nella parte posteriore del collo e della testa". Ha anche detto che una volta che le crescite si sono formate, mentre non possono causare danni, è improbabile che possano mai andarsene.

Venerdì 21 Giugno 2019, 16:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA