Social media 2019: in Italia è Youtube il più usato, boom di Tik Tok. Su Facebook spendiamo la maggior parte del nostro tempo

Social media 2019: in Italia è Youtube il più usato, boom di Tik Tok. Su Facebook spendiamo la maggior parte del nostro tempo

Gli italiani utilizzano sempre di più i social media, ma le modalità e i tempi di fruizione dipendono non solo dal singolo social network, ma anche e soprattutto dai dispositivi con cui viene effettuata la navigazione. Sono questi, in primissima analisi, i dati che emergono dall'analisi pubblicate sul blog Vincos, di Vincenzo Cosenza, che ha comparato l'utilizzo dei social media da parte degli italiani nel 2019 con quello dell'anno precedente. Vincenzo Cosenza è uno dei principali analisti di social media in Italia e Chief Marketing Officer a Buzzoole


Leggi anche > Coronavirus in Italia: come comunica il governo Conte su Twitter​



Nel 2018 c'era stato un clamoroso sorpasso di YouTube su Facebook: la piattaforma di video di Google era diventata il social media più utilizzato degli italiani, ai danni del social network di Mark Zuckerberg. Un trend confermato anche nel 2019: gli italiani che hanno utilizzato almeno una volta YouTube sono stati circa 36 milioni e 173mila, mentre quelli che hanno effettuato un accesso a Facebook sono appena meno di 36 milioni. Il vantaggio, in questo caso, dipende anche dal fatto che YouTube, rispetto a Facebook, non comporta l'obbligo della registrazione dell'utente per il suo utilizzo.

In terza posizione, non sorprende la conferma di Instagram: il social network delle foto, che ha fatto la fortuna di tanti influencer, registra un incremento rispetto all'anno precedente e si attesta stabilmente sul podio (oltre 27 milioni di accessi e un +15,6% rispetto al 2018). Al quarto posto troviamo LinkedIn, il social network professionale, che però presenta un difetto strutturale: molti lo usano, ma per poco tempo, come testimoniano i ridottissimi tempi di permanenza. Al quinto posto c'è Pinterest, che registra un incremento del 35% rispetto al 2018.

Continua a crescere anche Twitter: sono oltre 10 milioni gli italiani che lo hanno utilizzato almeno una volta nel 2019, mentre subito dietro c'è TikTok, il social network cinese in voga tra gli adolescenti, che ha vissuto un vero e proprio anno di grazia (3,6 milioni di utenti in Italia e +388% rispetto al 2018). Seguono Snapchat (in crescita) e Tumblr (in calo fisiologico ormai da anni).

Il numero degli utenti, da solo, non può bastare per definire le modalità e i tempi di utilizzo dei social media in Italia. L'analisi di Vincos, tra l'altro, considera la Total Digital Audience, che però non contempla l'utilizzo tramite mobile da parte degli utenti minorenni. Questo, quindi, finisce per comportare una sottostima nei dati che riguardano i social network più utilizzati dagli adolescenti, come TikTok e Snapchat. Se si considerano i tempi di utilizzo, le cose cambiano rispetto al numero di utenti unici.

Facebook, infatti, ha un tempo di permanenza decisamente maggiore di YouTube (16 ore e 24 minuti al mese per utente, contro le sei ore della piattaforma video di Google, superata in questo senso anche da Instagram, usato in media per circa sette ore). Dal punto di vista dei tempi di permanenza, crescono in maniera esponenziale Twitter (3 ore e 48 minuti) e TikTok (2 ore e 45 minuti), mentre Tumblr, sempre meno usato, può comunque vantare un'utenza decisamente attiva e affezionata (tempo medio pari a poco più di un'ora) e supera comunque Pinterest e Snapchat.

I dati di Vincos fanno anche emergere una linea di demarcazione netta tra i social media utilizzati in mobilità da smartphone e quelli utilizzati con la navigazione da browser col pc. Nella prima categoria troviamo Instagram, Twitter, TikTok e Snapchat, nella seconda invece YouTube, Pinterest e Tumblr.
Ultimo aggiornamento: Giovedì 27 Febbraio 2020, 14:29
© RIPRODUZIONE RISERVATA