Tokyo 2020, Lorenzo Zazzeri ritrova alcuni oggetti del borsone che gli hanno rubato. «Sono stato un ingenuo»

Tokyo 2020, Lorenzo Zazzeri ritrova alcuni oggetti del borsone che gli hanno rubato. «Sono stato un ingenuo»

Lorenzo Zazzeri, argento nella 4x100 stile libero alle Olimpiadi di Tokyo, ha ritrovato alcuni oggetti del borsone che gli era stato rubato un paio di giorni fa appena arrivato a Firenze, sua città natale, dove si era recato per festeggiare la sua vittoria sportiva.

 

Leggi anche - Tokyo 2020: Irma Testa rientra in Italia, festa all'aeroporto di Fiumicino

 

Dopo un primo ritrovamento in Arno di un oggetto di Tokyo, avvistato da alcuni membri della Canottieri Firenze, è stato ritrovato il borsone con altri oggetti. Ma non tutti: mancano la gopro e l'ipad e un paio di auricolari, che i ladri hanno portato via.

 

E subito l'atlenta ha lanciato un appello: «Se vedete cuffiette Samsung in vendita su internet con il logo dei cinque cerchi attenzione perché potrebbero essere le mie». 

 

Lorenze stava festeggiando con i suoi amici e la sua famiglia, quando, uscendo dalla piscina ha trovato la sua auto con il vetro sfondato: all'interno non c'era più il borsone con dentro un ipad e una gopro, che contenevano i video dell'avventura di Tokyo, ma anche tanti ricordi nipponici, tra cui il pass.

 

«Sono stato ingenuo a lasciare la macchina incustodita con il borsone. - dichiara Lorenzo -. Ma ero frastornato dopo un viaggio di 12 ore dal Giappone, ero euforico e ho sottovalutato la situazione. Ma certo è triste dover constatare che nel 2021 a Firenze basta lasciare la macchina incustodita per poco tempo che subito qualcuno ruba dentro».


Ultimo aggiornamento: Giovedì 5 Agosto 2021, 22:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA