Pupo: «Le parole di Jovic sono uno schiaffo per noi tifosi. Impari da Baggio, Toni e Batistuta, orgogliosi di aver giocato nella Fiorentina»

Pupo: «Le parole di Jovic sono uno schiaffo per noi tifosi. Impari da Baggio, Toni e Batistuta, orgogliosi di aver giocato nella Fiorentina»

di Pupo

«Tutti sanno che ho fatto un sacrificio finanziario per venire qui. Ritengo che la Fiorentina sia un buon trampolino di lancio per tornare alla mia vecchia forma, per poi tornare a giocare in un grande club». Nelle ultime ore hanno fatto molto discutere le dichiarazioni rilasciate da Luka Jovic al portale serbo ATV, poi prontamente smentite dal suo entourage. Chi mi conosce lo sa: odio l’ipocrisia e sono fermamente convinto che non ci sia un unico modulo di gioco da rispettare nel rettangolo verde della vita. Ma mi interrogo sull’opportunità delle dichiarazioni di Jovic. Per i tifosi della Fiorentina, che cullano la loro squadra come un figliolo, quelle parole sono uno schiaffo, una mancanza di rispetto. A Firenze abbiamo visto sfilare attaccanti del calibro di Kurt Hamrin, Roberto Baggio, Luca Toni e Gabriel Omar Batistuta che ci hanno inorgoglito con le loro giocate e il loro senso di appartenenza. Per noi la Fiorentina sarà sempre un porto cui approdare, mai un ponte che congiunge le rive dell’Arno. Finora, in campionato, Jovic ha segnato la miseria di due gol e ha sbagliato il rigore contro la Juventus, la nostra acerrima rivale. Un ruolino di marcia tutt’altro che irreprensibile, in linea con le sue dichiarazioni. Se il viola non fa per lui, Jovic può serenamente scegliere un colore che meglio lo rappresenta. Il Real Madrid gli ha già rescisso il contratto, tenendosi una clausola del 50% sulla futura rivendita da parte della Fiorentina. Penso non serva aggiungere altro.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 3 Novembre 2022, 08:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA