Inter, Inzaghi: «Con lo Shakhtar tutto nelle nostre mani. Tre punti e siamo agli ottavi»
di Alessio Agnelli

Inter, Inzaghi: «Con lo Shakhtar tutto nelle nostre mani. Tre punti e siamo agli ottavi»

«Contro lo Shakhtar sarà tutto nelle nostre mani. Vogliamo gli ottavi di Champions League, uno dei nostri obiettivi». Altri 3 punti da incamerare per la matematica certezza del secondo posto nel girone e del passaggio alla fase ad eliminazione diretta, come non accade da un decennio in casa Inter. Oggi (alle 18.45, diretta tv Sky Sport e Infinity, arbitro il romeno Haegan) Simone Inzaghi e i suoi uomini avranno il primo, importante match-point per riscrivere la storia e chiudere i conti-qualificazione in Europa, con il fattore-campo a favore e contro l'ultima in classifica nel gruppo D di Champions, lo Shakhtar Donetsk di Roberto De Zerbi.
Ma l'imperativo del piacentino è «massima attenzione - ha sottolineato alla vigilia -, perché affrontiamo una squadra che gioca bene a calcio, con un ottimo allenatore», anche al netto dell'occasionissima da non fallire. «Potremmo tornare agli ottavi dopo 10 anni? Sarebbe importantissimo, il passaggio del turno è uno dei nostri obiettivi - ha proseguito Simone Inzaghi - e lo avevo detto dall'inizio, indipendentemente dalle cessioni. Vogliamo riportare l'Inter negli ottavi e siamo a buon punto. Con lo Shakhtar sarà una gara decisiva, anche perché poi giocheremo a Madrid».
Contro il Real di Ancelotti, primo in classifica (e stasera di scena a Tiraspol contro lo Sheriff), in una sfida dentro o fuori preferibilmente da evitare. «Domenica abbiamo fatto una grande gara, abbiamo battuto il Napoli, che ha la miglior difesa in Europa, offrendo una grande prova di maturità e carattere - ha chiosato Inzaghi -. Con lo Shakhtar servirà questo. Siamo lì, è tutto le nostre mani e la vittoria con il Napoli può darci tanto in autostima».
Da cancellare c'è anche un triplice 0-0 negli ultimi 3 incroci con gli ucraini. Due griffati Conte, uno Inzaghi, «ma all'andata abbiamo sprecato tante occasioni, anche se loro hanno avuto più possesso palla. Domani (oggi, ndr) dovremo cercare di limitarli in questo». In formazione, l'unico dubbio è legato a Barella, leggermente affaticato e «da valutare, come Correa».
In caso di forfait pronto Vidal, con Brozovic e Calhanoglu in mediana. Altrimenti possibile turnover per il turco, sempre a favore del cileno. Dietro conferma per Ranocchia, con Skriniar e Bastoni. Davanti Dzeko e Lautaro.
riproduzione riservata ®


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 24 Novembre 2021, 08:48

© RIPRODUZIONE RISERVATA