Giovanni Rinaldi a “Oggi è un altro giorno”, il "treno della solidarietà": la storia dei bambini che unirono l'Italia

Giovanni Rinaldi a “Oggi è un altro giorno”, il "treno della solidarietà": la storia dei bambini che unirono l'Italia

Giovanni Rinaldi ospite del programma di Serena Bortone su RaiUno presenta suo ultimo libro, “C'ero anch'io su quel treno”, una storia di solidarietà poco conosciuta

Giovanni Rinaldi ospite di “Oggi è un altro giorno” di Serena Bortone su RaiUno. Giovanni Rinaldi ha parlato del suo ultimo libro, “C'ero anch'io su quel treno - La vera storia dei bambini che unirono l'Italia”, una storia di solidarietà poco conosciuta.

 

 

 

 

 

 

Giovanni Rinaldi ospite di “Oggi è un altro giorno

 

 

Giovanni Rinaldi ospite di “Oggi è un altro giorno” di Serena Bortone. Giovanni Rinaldi ha parlato del suo ultimo libro, “C'ero anch'io su quel treno - La vera storia dei bambini che unirono l'Italia”. Il suo racconto parte dopo la Seconda Guerra Mondiale e della povertà in cui vivevano alcuni bambini. Ad accoglierli famiglie del Centro-Nord, spesso a loro volta con pochi mezzi, ma disposte a ospitarli per qualche mese: «E’ partita – ha raccontato ai microfoni della trasmissione di Serena Bortone – un’organizzazione gigantesca che dal 45 al 52 ha trasferito circa 80mila bambini con viaggi in treno. Il progetto è stato lanciato dal Partito Comunista e gestito dalle donne dell’Udi, Unione donne italiane, che erano le reali protagoniste».

A raccontare la sua testimonianza Diego, uno dei bambini salvati: «Siamo partiti da Termini con un treno con finestrini rotti per arrivare a Faenza, dove ogni bimbo è stato consegnato alla rispettiva famiglia. Mi hanno accompagnato a casa loro mezzo addormentato su una canna di biciletta e mi sono risvegliato in un letto meraviglioso. Mi parlavano ma quasi quasi non capivo perché ero terrorizzato, loro erano comunisti e al tempo si diceva: "Mangiano i bambini!".  Avevo paura, poi ho scoperto che non sarei stato mangiato ma in realtà accudito…».


Ultimo aggiornamento: Lunedì 25 Ottobre 2021, 16:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA