Nico Fidenco, a “Oggi è un altro giorno” sui tormentoni estivi: «Il primo è mio: Legata a un granello di sabbia»

Nico Fidenco, a “Oggi è un altro giorno” sui tormentoni estivi: «Il primo è mio: Legata a un granello di sabbia»

Nico Fidenco con “Legata a un granello di sabbia” è stato il primo artista italiano a superare il milione di copie vendute

Nico Fidenco ospite di Serena Bortone a “Oggi è un altro giorno” su “RaiUno”. Il cantante Nico Fidenco, 88 anni, è stato il precursore dei tormentoni estivi con “Legata a un granello di sabbia”, primo 45 giri a superare in Italia il milione di copie vendute.

 

 

 

 

 

Nico Fidenco ospite si Serena Bortone a “Oggi è un altro giorno” su “RaiUno”

 

 

Nico Fidenco a “Oggi è un altro giorno”

 

Nico Fidenco ospite di Serena Bortone a “Oggi è un altro giorno” su RaiUno. Il cantante Nico Fidenco, 88 anni, è autore di numerosi successi. Tutto inizia nel 1960 con il suo provino di “What a sky”, di Giovanni Fusco, che viene scelto dal regista Francesco Maselli per il suo film “I delfini”: «L’ho cantanto in un tonalità non mia - ha speigato - era la prima volta che entravo in uno studio di registrazioni. Il brano era stato scritto per Little Tony ma poi scelsero me. La canzone ha venduto 450mila copie, battendo Harry Belafonte».

 

 

Poi arriva nel 1961 arriva “Legata a un granello di sabbia”, primo 45 giri a superare in Italia il milione di copie vendute: «Il brano l’ho scritto in dieci minuti con una chitarra che mi avevano lasciato un amico. Il mio produttore l’ha mandato a Sanremo ma l’hanno bocciato, con mia grande fortuna perché poi è stata registrata. Siamo usciti in un periodo allora morto per il mercato discografico, l’estate, e invece è stato un grande successo con un milione e mezzo di copie».

 

Durante un concerto ha conosciuto l’attuale moglie Anna Maria Surdu: «Era sotto al palco e mi ha chiesto di cantare una canzone, ma gli dissi di no perché l’avevo già eseguita. Poi ci siamo sentiti e stiamo ancora insieme, sono passati 60 anni. Lei mi è sempre stata a fianco, a volte prima del matrimonio mandava anche della amiche a controllare se facessi scappatelle. Anche io comune sono geloso, al tempo se mi arrabbiavo la lasciavo improvvisamente, poi però tornavo sempre da lei...»


Ultimo aggiornamento: Martedì 23 Novembre 2021, 18:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA