Sanremo 2019: «Ha vinto Maometto», Maria Giovanna Maglie polemica

"Un finale imbarazzante, tra La Stangata e la Sagra della castagna". Maria Giovanna Maglie ha sparato a zero sul verdetto del Festival di Sanremo, che ha visto vincere Mahmood grazie ai voti delle giurie, nonostante Ultimo sia stato il più televotato.

Loredana Bertè Premio Pubblico dell'Ariston: il riconoscimento inventato per lei dopo i fischi a Sanremo
Di Maio: «Chi usa Mahmood contro il governo sta a pezzi»



"Un vincitore molto annunciato. Si chiama Maometto, la frasetta in arabo c'è, c'è anche il Ramadan e il narghilè, e il meticciato è assicurato. La canzone importa poco, Avete guardato le facce della giuria d'onore?", ha aggiunto la giornalista che secondo indiscrezioni è candidata alla conduzione di una striscia di approfondimento giornalistico su Rai1, dopo il Tg1 delle 20.30.

Per rispondere alle critiche arrivate ai primi due post, Maglie ha twittato poi: "Meticciato: combinazione di elementi linguistici o culturali di diversa provenienza o natura. In questo caso privilegiato sulla qualità di una canzone. Per il resto, il razzismo è nella testa di chi legge e vorrebbe impedire il pensiero critico". L'ultimo tweet è dedicato alle percentuali di televoto e voto delle giurie.

"Dopo gli attacchi al capo dello stato l'ex giornalista Mariagiovanna Maglie, che la Lega di Salvini e Foa vorrebbe imporre agli italiani nello spazio quotidiano che fu di Enzo Biagi, adesso su Twitter se la prende anche con il vincitore di Sanremo Mahmood utilizzando espressioni offensive e razziste come 'meticciato'. Davvero l'ansia di occupare poltrone della nuova compagine di governo non trova nulla di meglio ? Davvero lei avrà una striscia quotidiana ? Il servizio pubblico non può cadere così in basso: facciamo appello al Consiglio di amministrazione della Rai perché eviti questa pagina vergognosa al nostro paese''. Lo dichiara Davide Faraone, capogruppo Pd in Vigilanza Rai.
Ultimo aggiornamento: 13:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA