Jova Beach Party a Milano Linate: il gran finale. In 100 mila per Jovanotti che duetta con lo spazio
di Claudio Burdi

Jova Beach Party a Milano Linate: il gran finale di un evento epocale. In 100 mila per Jovanotti che duetta con lo spazio

Un successo straordinario per un evento che ha stravolto i canoni della musica live. Si è ballato e si è cantato tanto anche per la tappa milanese del JovaBeachParty, che ha regalato tante emozioni da gran finale alle 100.000 persone presenti sul prato delle piste dell’aeroporto di Milano Linate (chiuso per lavori).
 
 


EMOZIONI E SORPRESE SUL PALCO 
Se durante la giornata prima del live di Lorenzo si sono esibiti tra sue incursioni, tanti guest annunciati, sono state tante le sorprese serali per un “spettacolo di viaggio” musicale che ha toccato anche lo spazio: con il collegamento con il comandante Luca Parmitano dell’ISS, che insieme a Lorenzo si è lanciato nel primo duetto interspaziale cantando insieme “Non m’annoio”; con l’esibizione insieme a Tommaso Paradiso (entrato in bici come Brumotti poco prima) e Takagi & Ketra per “La Luna e la gatta”; con la performance dell’amico di una vita, il rapper Salmo, dal climax indiscutibile, al djset con Benny Benassi.

Tra luci led, onde laser in anteprima assoluta per un live in Italia, fuochi d’artificio, grafiche di grande impatto (alcune disegnate dalla figlia) e una luna gonfiabile “portata sulla Terra”, Lorenzo si esibito tra pezzi acustici e dietro la console con i gli abiti, accessori e gonne, inni alla libertà e all’impegno sociale creati per lui da Dior, insieme alla sua band concedendosi anima e corpo in uno spettacolo energico e ricco di momenti che in molti si ricorderanno per sempre. Come per Susanna e Andrea, la dodicesima coppia che si è ri-sposata sul palco in una breve cerimonia ufficiata da Jovanotti (3000 le richieste di matrimonio sul palco arrivate all’organizzazione del JovaBeachTour). Tra i momenti più toccanti l’omaggio a grandi amici artisti di Lorenzo con le luci di tutti i cellulari del pubblico accesi ascoltando i loro brani da “Caruso” di Lucio Dalla a “Vita Spericolata” di Vasco Rossi, e il video messaggio di Giovanni Soldini a sostegno di un risveglio delle coscienze per non inquinare il nostro pianeta con i rifiuti plastici.

E SOTTO IL PALCO…Tanti vip a festeggiare e ballare in un party senza precedenti: dal sindaco di Milano Giuseppe Sala a Stefano Accorsi, dagli Ex-Otago solo per citarne alcuni.

Ma il Jova Beach Party è anche stato un evento green senza precedenti

«Si è creato un nuovo standard ambientale. Dopo questo show non si potrà più dire che non si può fare un evento sostenibile», afferma con orgoglio Luigi Bosio, Presidente di E.R.I.C.A. che in collaborazione con WWF, Corona e Coop ha realizzato per Trident Music il progetto di sostenibilità voluto fortemente da Jovanotti per il suo Jova Beach Party.

70,2 % di raccolta differenziata su circa 255.904 Kg di rifiuti raccolti di cui 179.648 kg avviati a riciclo.
Questi i numeri che segnano il successo dell’iniziativa che sottolinea come il messaggio è arrivato alle 560.000 persone che hanno partecipato alle 17 tappe del Jova Beach Party. Un messaggio amplificato ad ogni data grazie alle parole di Jovanotti che nella tappa milanese ha dedicato diversi minuti del pomeriggio all’argomento invitando la presidente del WWF Italia Donatella Bianchi, sul palco con lui per sensibilizzare maggiormente il pubblico sull’importanza di ciò che è avvenuto ed è stato fatto.

Sabato 21 Settembre 2019, 23:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA