Nancy Brilli su Leggo: «Sonoramente femministe» ASCOLTA L'AUDIO

Video
di Nancy Brilli

Margherita, Anna, Pina e Laura mi scrivono dello stesso fatto. Eh no. Non ci siamo. Non ci siamo proprio. La nuova categoria di poveri sono le mamme single con figli a carico. Povere perché private del lavoro nell'ultimo anno. Novantotto persone su cento di quelle che hanno perso l'impiego sono donne. Ma che razza di sistema, che retaggio patriarcale e obsoleto è quello che considera prioritaria l'occupazione del maschio rispetto alla femmina? Ancora la cura del buon padre di famiglia. Si, buonasera. Avercelo. Mi fa girare le nacchere questo luogo comune così trito e stantio, da non potersi dire. Siamo tornati a piè pari agli anni cinquanta del secolo scorso. Manca la parità di genere, ma se parlassimo di etnia, posizione sociale, orientamento sessuale o politico, forse qualche spada in più verrebbe spezzata. Dico la mia: sta storia che alle donne spetti il lavoro di cura, va bene solo se è una scelta. Ricominciare a esser sonoramente femministe, mi sa che con questi, ci tocca. Una società è equa se dà le stesse possibilità ai suoi componenti, e francamente, proprio non mi pare. No. Davvero no .(brillisevuoi@leggo.it)


Ultimo aggiornamento: Lunedì 8 Marzo 2021, 22:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA