L'isola 'marziana': nata da un vulcano nel 2015, ma sparirà fra 30 anni
di Enrico Chillè

L'isola 'marziana': nata da un vulcano nel 2015, ma sparirà fra 30 anni

Il suo nome, ufficialmente, è quello, abbastanza impronunciabile, di Hunga Tonga-Hunga Ha'apai, ma in tutto il mondo è conosciuta come l'isola 'marziana'. C'è ben poco di terrestre, infatti, dietro la storia di questa isola, di origine vulcanica, emersa nel 2015 ma destinata a sparire nel giro di 30 anni.

Bimbo vampiro nell'antico cimitero in Umbria: il caso affascina gli archeologi di tutto il mondo​



L'isola si trova nel Pacifico, nell'arcipelago di Tonga. La sua origine è vulcanica, poiché si formò nel gennaio 2015, a poco più di un mese di distanza da una violenta eruzione di un vulcano sottomarino. Il magma caldo, a contatto con l'acqua fredda dell'oceano, provocò esplosioni di ceneri e rocce e il materiale iniziò a sedimentarsi in superficie, formando un cono alto circa cento metri.



Dopo la 'nascita' di Hunga Tonga-Hunga Ha'apai, gli esperti avevano stimato che avrebbe avuto una vita decisamente breve: pochi mesi, al massimo un anno, a causa della giovane età delle rocce e della costante erosione delle acque dell'oceano. Gli esempi, in passato, non sono mai mancati: molte isolette sono nate da eruzioni vulcaniche, ma erano sparite poco dopo. Invece, contrariamente a ogni previsione, l'isola resiste anche se è destinata a sparire entro 30 anni al massimo.

L'isola ha suscitato molta curiosità anche tra gli scienziati della Nasa, dal momento che geologicamente, la conformazione delle rocce sembrerebbe essere analoga a quelle presenti su Marte. L'ipotesi è quella che, all'interno di queste rocce, possano vivere microrganismi che, secondo alcuni esperti, potrebbero vivere (o aver vissuto) sul 'pianeta rosso'.


Lunedì 15 Ottobre 2018, 20:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA