Covid a Prato, spariti nel nulla 25 cinesi risultati positivi al test: «Hanno fornito documenti falsi»

Prato, spariti 25 cinesi risultati positivi al test Covid: «Hanno fornito documenti falsi»

Mistero a Prato. Circa 25 cittadini cinesi che nei giorni scorsi sono risultati positivi al Covid dopo le analisi effettuate dal laboratorio privato Synlab hanno esibito un codice fiscale fasullo o numeri di telefono inesistenti. E sono svaniti nel nulla. Lo ha reso noto il Dipartimento di prevenzione dell’Asl Toscana Centro a cui spetta tracciare i contatti delle persone che risultano positive. Si suppone che molti abbiano fornito documenti falsi perché non hanno il permesso di soggiorno e le autorità sanitarie non possono far altro che confidare nel senso di responsabilità di chi è risultato positivo. Il laboratorio di analisi, da parte sua, sostiene che non potendo verificare l’autenticità dei documenti di identità si limita a trasmettere i dati all’Asl. Dei positivi nessuna traccia: sono spariti nel nulla e nessuno sembra sapere dove siano.

«Quanto è accaduto è un problema serio - commenta Renzo Berti, responsabile del Dipartimento di prevenzione - Se come pensiamo chi ha fornito documenti falsi o numeri inesistenti lo ha fatto perché clandestino, vorrei assicurare che noi pensiamo alla salute prima di tutto. I clandestini non devono aver paura di fare gli esami dicendo il loro vero nome. Noi non andiamo a denunciarli alla polizia. In caso contrario si rischia un disastro perché un positivo deve essere tracciato e non può gestirsi da solo». Sembra dunque scattata la proverbiale chiusura ermetica della comunità orientale, che complica il tutto. Di fatto raggiungere queste persone per assicurarsi che stiano in isolamento fino a che non si negativizzeranno e per tracciare i loro contatti, è al momento impossibile.

Covid, esperti Oms a Wuhan iniziano indagini sulle origini del virus: «Inchiesta chiara e solida». In Cina ancora nuovi casi

«Il database di Wuhan con ricerche sul Covid fu rimosso a primavera per motivi di sicurezza». Nuove accuse dai media Usa

 

Ultimo aggiornamento: Venerdì 29 Gennaio 2021, 13:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA