Elezioni politiche, Tommasi: «Il centrodestra si batte giocando alla Zeman»

Il modello Verona da riproporre anche alle politiche del prossimo 25 settembre. E poi parte il coro: "Gioca bene o gioca male, lo vogliamo al Quirinale"

Elezioni politiche, Tommasi: «Il centrodestra si batte giocando alla Zeman»

Elezioni politiche, Damiano Tommasi usa una metafora calcistica per indicare la strada che il centrosinistra deve intraprendere per battere il centrodestra il prossimo 25 settembre. Il sindaco di Verona, dal palco del Festival dell'Unità di Roma, nella serata conclusiva, ha infatti menzionato un suo ex allenatore alla Roma: Zdenek Zeman.

Letta chiude al M5S: «No alleanze con chi ha fatto cadere Draghi». E apre a Renzi e Calenda 

 

Elezioni, Tommasi: «Concetti un po' zemaniani»

«Dobbiamo mettere da parte la paura, esponendo il proprio gioco, anche se diverso. Sono concetti un po' 'zemaniani', ma possono attirare le persone disilluse al voto» - ha spiegato ieri sera Damiano Tommasi, che a Verona ha battuto a sorpresa la coalizione di centrodestra - «Bisogna raccontare quello che vogliamo essere, il governo Draghi lo ha fatto. Dobbiamo far emergere l'Italia che vogliamo raccontare, non quella della paura».

Elezioni, Tommasi: «La politica faccia un gioco diverso»

«Dobbiamo essere consapevoli di avere un gioco diverso, con valori condivisi da tante persone che non vedono l'ora di vederli messi in atto dalla politica. Non è questione di battere o essere contro perché la crisi di governo è la certificazione dello scollamento tra il palazzo e le persone» - ha poi aggiunto il sindaco di Verona - «Le persone a casa di tutto avevamo bisogno tranne che di una crisi di Governo, rappresentato da una personalità indiscutibile a livello internazionale e credibile viste le maggioranze che aveva intorno a se. Non si è capita la tempistica e il terreno da recuperare è quello. Un'eventuale alleanza, basata su valori condivisi, può servire. A Verona è successo questo, abbiamo iniziato a parlare di valori sui quali convergere e ci siamo trovati sorpresi dalla convergenza».

Tommasi, il coro dalla nazionale al Quirinale

Alle Terme di Caracalla, sede della Festa dell'Unità, è poi partito un coro mutuato da quello che i tifosi della Roma hanno cantato per anni a Damiano Tommasi: «Gioca bene o gioca male, lo vogliamo in nazionale». Solo che in questo caso, la maglia azzurra viene sostituita con il Quirinale. «Si sta correndo un po' troppo con la fantasia», ha scherzato il sindaco di Verona. Che poi, più seriamente, ha spiegato ai presenti: «Dobbiamo andare a votare, la sfida è quella. A votare ci si va se si ha un progetto e non se si parla di paura».


Ultimo aggiornamento: Lunedì 1 Agosto 2022, 14:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA