Paolo Bonolis, "Perché parlavo da solo": il diario intimo da consegnare ai figli

Paolo Bonolis, "Perché parlavo da solo": il diario intimo da consegnare ai figli

Diciotto capitoli raccontarsi. In Perché parlavo da solo Paolo Bonolis, mattatore televisivo, svela per la prima volta il suo mondo oltre lo schermo. Un diario intimo e ironico sul mondo, sulla felicità, sulla tv, sull'amore e la famiglia, sulla tecnologia e tanto altro. Bonolis, volto tra i più famosi, ha condotto e ideato per Rai e Mediaset tanti programmi campioni di auditel. «Viaggia veloce il fiume del tempo, molto più di quanto scorreva in passato. E scava sempre più profondo il canyon che attraversa», scrive. «I miei figli sono dall'altra parte e potrebbero partire prima che possa raggiungerli». E aggiunge: «Gli vorrei consegnare quello che ho conservato... Ho 58 anni adesso che scrivo e, il mio viaggio, l'ho iniziato che ero ragazzo. A quei tempi anche mio padre mi consegnò il suo bagaglio, ma gli bastò allungare un braccio per passarmelo».

Paolo Bonolis, Perché parlavo da solo, Rizzoli, 336 p.,19 euro 
Martedì 8 Ottobre 2019, 05:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA