Uccise Vanessa Russo in metro con l'ombrello, Doina Matei torna libera 4 anni prima grazie alla buona condotta

Uccise Vanessa Russo in metro con l'ombrello, Doina Matei torna libera 4 anni prima grazie alla buona condotta

Il suo caso fece parlare tutta Italia: Doina Matei aveva appena 21 anni quando il 26 aprile del 2007 uccise Vanessa Russo, colpendola ad un occhio con la punta dell'ombrello su una banchina della metropolitana di Roma. Condannata in via definitiva nel 2010 dalla Cassazione a 16 anni di carcere, Doina è adesso una donna libera dopo aver pagato i suoi debtii con la giustizia: in anticipo di 4 anni, grazie alla buona condotta.

Doina e le foto al mare, la rabbia del papà di Vanessa: "Merita pena di morte"



La donna romena, ora 33enne, seguita fin dall'arresto dall'avvocato Carlo Testa Piccolomini, secondo quanto riporta il Corriere della Sera nelle pagine della cronaca di Roma, ha visto il suo 'fine pena' con un atto firmato dal magistrato di sorveglianza del Tribunale di Venezia: nel carcere lagunare della Giudecca era stata reclusa negli ultimi 9 anni.



Doina torna dunque libera dopo quattro anni, «grazie alla buona condotta che ha consentito alla donna di guadagnare 45 giorni ogni sei mesi dal momento dell'ingresso in carcere. Ora non dovrà più rispettare le prescrizioni che le erano state imposte alla fine del 2015, quando ha avuto la semilibertà. Obblighi che se fossero stati violati avrebbero comportato il rientro nel carcere lagunare della Giudecca, dove la romena è stata reclusa negli ultimi nove anni». Già nel 2016 la ragazza ha cominciato a reinserirsi nella società: «La fase riabilitativa - sottolinea l'avvocato Testa Piccolomini come riporta il quotidiano - l'ha sfruttata con dedizione. Ora Doina vuole solo essere dimenticata». 


Mercoledì 26 Giugno 2019, 09:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA