Ragazzina di 15 anni costretta a prostituirsi da amiche di famiglia: «Sesso con 450 uomini in quattro mesi»

La triste storia di una 15enne proveniente dalla Romania è finalmente finita: le due aguzzine sono state condannate, mentre i suoi clienti scagionati

Ragazzina di 15 anni costretta a prostituirsi da amiche di famiglia: «Sesso con 450 uomini in quattro mesi»

di Redazione Web

Le avevano promesso un lavoretto come babysitter in Italia ma, una volta giunta a Roma, è finita in un brutto giro di prostituzione a soli 15 anni. Questo l'incubo di una ragazza romena, costretta a prostituirsi da due amiche di famiglia che, invece, avrebbero dovuto aiutarla ad avere un futuro migliore. 

Fruttivendolo "vende" la moglie ai clienti: «Fai sesso con lei, mi servono i soldi»

Condannate le amiche di famiglia

Affidata nel 2016 dai genitori in Romania a due sorelle, amiche di famiglia, la giovane è stata portata in una casa di appuntamenti di Roma sulla Casilina. La ragazza incontrava in media cinque adulti al giorno, ma adesso il suo incubo è finito. Le due donne, di 30 e 35 anni, sono state condannate dal tribunale di Roma a 6 e 7 anni con l'accusa di prostituzione minorile, mentre i clienti sono stati scagionati

L'incubo della giovane

Il dramma della giovane è iniziato nel gennaio del 2016 quando, per motivi economici, i genitori decidono di mandare la figlia a lavorare in Italia. La giovane, arrivata a Roma, pensava di iniziare a lavorare come babysitter e invece va a vivere in una casa presa in affitto dalle due sorelle che avevano in mente tutt'altro per lei. Le due sorelle le scattano una serie di foto in posizioni intime e inequivocabili, le pubblicano on line oscurando il viso perché si tratta di minorenne, sequestrano i documenti della giovane e le consegnano un cellulare da cui può ricevere solo chiamate in entrata. E inizia la sua disavventura. Poco dopo, insieme alla giovane, arriva anche la sorella maggiore, anche lei minorenne, e soprattutto anche lei costretta a prostituirsi. 

Il blitz della polizia

A salvare le due giovani sarà l'intervento della polizia. Gli agenti, infatti, sono risaliti alla giovane tramite indagini sul campo e on line. Il blitz nell’appartamento sulla Casilina è scattato il 6 maggio del 2016, gli agenti si sono finti clienti e le due aguzzine, di cui una ha una figlia di 5 anni, hanno abboccato. Al momento del blitz c’era persino la mamma della giovane, all’oscuro di tutto quello che stava succedendo alla figlia.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 2 Dicembre 2022, 19:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA