Roma, il piano rifiuti di Gualtieri: nel 2030 65% differenziata

Video

Roberto Gualtieri ha presentato la proposta di Piano per la gestione integrata dei rifiuti e la pulizia di Roma Capitale. Gli obiettivi del piano sono: la riduzione della produzione di rifiuti, l'aumento della differenziata, del riciclo e del recupero energetico, la realizzazione di un sistema impiantistico integrato per rendere autosufficiente il territorio, la drastica riduzione del conferimento in discarica, l'abbattimento delle emissioni di gas serra, il miglioramento dell'intero sistema della raccolta.

Tra i primi obiettivi del Piano Rifiuti commissariale c'è l'incremento del tasso di raccolta differenziata, dal 45,2% attuale al 65% nel 2030 e al 70% nel 2035. Per quanto riguarda la riduzione nella produzione di rifiuti il Piano punta ad un abbattimento dell'8.3% in otto anni, da 1,69 mln di tonnellate l'anno a 1,55 mln nel 2030 e 1,52 nel 2035, attraverso accordi con i settori produttivi, campagne di comunicazione, centri del riuso. Il Piano consentirà una sensibile riduzione dei rifiuti che non è possibile avviare al riciclaggio di circa un terzo, passando da 1 milione di tonnellate l'anno del 2019 a oltre 700mila tonnellate nel 2030 che si potrà ridurre ulteriormente a circa 660mila nel 2035.

Questo contribuirà ad una netta riduzione del conferimento di rifiuti in discariche, che saranno così destinate al solo smaltimento degli scarti non destinabili a recupero energetico, passando da 500mila tonnellate a 23mila nel 2030, fino a circa 24mila nel 2035. Tali risultati consentiranno di andare ben oltre gli obiettivi fissati dall'Unione Europea, che individuano una percentuale massima del 10% di ricorso alla discarica entro il 2030; Roma Capitale, partendo dal 30% attuale, raggiungerà il 4,8% nel 2030 e il 3,2% nel 2035.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 4 Agosto 2022, 17:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA