Monica Vitti, camera ardente in Campidoglio: gli orari di apertura

L’ingresso dalla scalinata del Vignola sarà consentito con Green Pass e mascherina Ffp2

Video

Sarà il sindaco di Roma Roberto Gualtieri ad accogliere il feretro di Monica Vitti in Campidoglio dove è stata allestita la camera ardente per dare la possibilità alla "sua Roma" di salutare per l'ultima volta l'attrice, icona del cinema italiano. La camera ardente prevista per domani nella sala della Protomoteca dalle 10 alle 18, resterà aperta anche sabato 5 febbraio dalle 10 alle 13. Alle ore 9.30 di domani, venerdì 4 febbraio, Gualtieri accoglierà il feretro nella piazzetta dell’Avvocatura. L’ingresso dalla scalinata del Vignola sarà consentito ai soggetti muniti di Green Pass. Si richiede l'uso di mascherina Ffp2. I funerali dell'attrice, morta ieri all'età di 90 anni, si terranno sempre sabato nella Chiesa degli artisti a Piazza del Popolo alle 15.

Leggi anche > Mattarella, il secondo giuramento: «Basta ritardi, ricostruiamo l'Italia». Standing ovation alla Camera

 

Nel fine settimana a Roma, Casa del Cinema e Centro Sperimentale di Cinematografia-Cineteca Nazionale rendono omaggio alla grande attrice scomparsa con una programmazione speciale. Sabato 5 e domenica 6 febbraio la Sala Deluxe della Casa del Cinema sarà interamente dedicata all’arte di Monica. L’omaggio «Grazie Monica» prende il via sabato 5 febbraio alle ore 18 con l’intenso ritratto documentario Vitti d’arte, Vitti d’amore, presentato dal regista Fabrizio Corallo all’ultima edizione della Festa del Cinema.

 

Seguiranno alcuni tra i tantissimi capolavori dell’attrice come Dramma della gelosia (tutti i particolari in cronaca) di Ettore Scola (5 febbraio, ore 20.30), l’indimenticabile La Tosca di Luigi Magni (6 febbraio, ore 17), fino a Deserto rosso di Michelangelo Antonioni (6 febbraio, ore 19.30), nella versione restaurata da Csc – Cineteca Nazionale e Istituto Luce – Cinecittà in collaborazione con Rti-Mediaset. Una breve cavalcata in un talento multiforme e senza tempo: fragile, sfrontata, coraggiosa, segreta, moderna e classica. Tutto questo è stata e sempre sarà la Musa di Antonioni, la Ragazza con la Pistola di Monicelli, la Polvere di stelle di Alberto Sordi, la figlia ribelle di Roma. 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 3 Febbraio 2022, 22:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA