Nuovo arresto per l'imprenditore Di Fazio. Il gip: «Stupratore seriale subdolo e spregiudicato»

Milano, nuovo arresto per l'imprenditore Di Fazio. Il gip: «Stupratore seriale subdolo e spregiudicato»

Una delle presunte vittime: "Volevo denunciarlo ma avevo paura, era potente e la denuncia dell'ex moglie era stata archiviata"

Milano, nuovo arresto per Antonio Di Fazio. L'imprenditore farmaceutico, accusato di violenza sessuale da un'aspirante stagista, sarebbe coinvolto in altri quattro casi analoghi.

 

Leggi anche > Storie italiane, Greta Beccaglia: «In tanti mi hanno offesa e sfiorato le parti intime». Daspo di 3 anni al molestatore

 

Antonio Di Fazio, il nuovo arresto

La notizia è riportata da Il Giorno. La nuova ordinanza di custodia cautelare nei confronti del manager è stata emessa per altri quattro presunti casi. Antonio Di Fazio, arrestato a maggio, è già a processo per stupro (con rito abbreviato) con l'accusa di aver attirato una studentessa 21enne nel suo appartamento, con la scusa di uno stage formativo nella sua azienda, la Global Farma. Qui l'imprenditore avrebbe drogato la ragazza con una massiccia dose di tranquillanti, per poter abusare di lei e fotografarla.

 

Antonio Di Fazio, l'altro filone dell'indagine

La nuova ordinanza di custodia cautelare a carico di Antonio Di Fazio è stata emessa dal gip di Milano, Chiara Valori, e riguarderebbe un altro filone dell'indagine, relativo al tentato omicidio della ex moglie dell'imprenditore. Il 17 novembre il gip aveva fissato l'incidente probatorio per ascoltare le quattro ragazze che accusano Di Fazio. I loro volti sono stati impressi nel pc dell'uomo in una serie di immagini scaricate. Dopo di che sono state identificate e sentite già una prima volta.

 

Antonio Di Fazio, il gip: «Stupratore seriale subdolo e spregiudicato»

Un uomo con comportamenti «seriali, caratterizzati da un modus operandi progressivamente affinato nel tempo e fattosi man mano sempre più subdolo e al contempo più spregiudicato, forse proprio grazie alla maturata acquisizione della consapevolezza della resistenza che le vittime hanno incontrato nel denunciare». È uno dei passaggi dell'ordinanza firmata dal gip di Milano Chiara Valori nei confronti del manager Antonio Di Fazio. A notificargli in carcere la nuova ordinanza di custodia cautelare sono stati i carabinieri del Nucleo operativo della Compagnia Milano Porta Monforte. Le indagini hanno consentito di raccogliere «gravi, precisi e concordanti» indizi di colpevolezza nei confronti dell'indagato in ordine ai reati di violenza sessuale aggravata dall'uso di sostanze narcotizzanti nei confronti di quattro donne e di tentato omicidio, atti persecutori e violenza sessuale aggravata in danno dell'ex moglie.

 

Antonio Di Fazio, una ragazza: «Volevo denunciarlo ma avevo paura»

«Io volevo denunciarlo ma non l'ho mai fatto perché ho sempre avuto molta paura di lui, che mi diceva di avere conoscenze molto importanti e potenti, tanto che anche la denuncia di maltrattamenti fatta dalla moglie nei suoi confronti era stata archiviata». Lo ha raccontato a verbale una delle vittime di Antonio Di Fazio, l'imprenditore farmaceutico, già arrestato a maggio, e ora accusato con ordinanza cautelare di altri 5 casi di violenze sessuali con lo stesso 'schemà, anche ai danni dell'ex moglie, che avrebbe pure rischiato di morire perché fu colpita «sulla fronte con una chiave inglese». Una delle vittime, che avrebbe subito abusi tra giugno e luglio 2020 dopo essere stata narcotizzata, così come le altre, ha raccontato, dunque, ai pm le intimidazioni che Di Fazio metteva in atto affinché non denunciasse. Diceva di essere «una persona con conoscenze importanti anche nell'ambito dei servizi segreti e della criminalità organizzata». Continui, scrive il gip, i suoi «tentativi di blandire, denigrare, minacciare e persino perseguitare le persone offese».

 


Ultimo aggiornamento: Martedì 30 Novembre 2021, 14:27
© RIPRODUZIONE RISERVATA