Milano, baby gang rapina coetaneo e posta video sui social: la polizia rintraccia tutti

Milano, baby gang rapina coetaneo e posta video sui social: la polizia rintraccia tutti

di Simona Romanò

 Un ragazzino preso a botte e rapinato da una baby gang che poi posta sui social il filmato delle violenze. Una sorta di “videodenuncia”, dato che la polizia ha subito “beccato” il branco. Ancora violenza giovanile, consumata da gang: sono quattro i minori fermati dagli agenti del Commissariato Garibaldi Venezia, ritenuti responsabili di rapina aggravata in concorso. Sono tutti tunisini, tra i 14 e i 16 anni. Il fatto è accaduto domenica mattina, vicino al Bosco Verticale, in zona Gae Aulenti. Un 17enne italiano stava passeggiando quando i quattro lo hanno accerchiato e, con il pretesto di fumare una sigaretta insieme, l’hanno convinto – quasi obbligato - a seguirli in un punto più appartato. Qui l’hanno brutalmente aggredito, prendendolo a pugni e calci, per poi sottrargli i soldi e lo smartphone. Quindi, sono scappati. L’assalto è stato filmato con il cellulare e le immagini del blitz sono finite sui social network. A salvare la vittima sono stati alcuni passanti che hanno assistito alla violenza e immediatamente hanno lanciato l’allarme al 112: i poliziotti intervenuti hanno ascoltato il 17enne preso di mira, che ha fornito agli investigatori un identikit dei suoi aggressori. E, dopo gli accertamenti del caso, hanno recuperato e visionato il video dell’aggressione sui social: attraverso proprio i filmati sono riusciti a bloccare i quattro minori che indossavano ancora gli indumenti del momento in cui avevano consumato il colpo in una zona molto frequentata da famiglie, giovani coppie con bambini e comitive di ragazzi. In accordo con il pm per i minori, gli agenti hanno eseguito altri accertamenti sul gruppo di tunisini, anche attraverso la visione delle telecamere cittadine: i quattro sono stati sottoposti al fermo di polizia giudiziaria. Si trovano ora in istituto.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 7 Luglio 2022, 06:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA