Anarchici in corteo a Milano, tre giorni di allerta

Anarchici in corteo a Milano, tre giorni di allerta

di Simona Romanò

«La morte di Dax brucia ancora». Ieri, prima giornata senza scontri per omaggiare l'attivista del centro sociale Orso, Davide «Dax» Cesare, a vent'anni dalla morte. La paura «fondata», secondo le forze dell'ordine, è che i disordini possano esplodere nel maxi corteo di domani. Intanto, ieri, in trecento della rete antifascista "Dax resiste" si sono riuniti, dalle 18.30, per ricordare il 26enne ucciso nella notte "nera" di Milano, 16 marzo 2003, tra via Brioschi e via Zamenhof, con 13 coltellate dai fratelli Federico, Mattia e il padre Giorgio Morbi, tutti con simpatie di destra. Hanno deposto una corona di fiori, sventolato bandiere, acceso fumogeni (foto), mentre gli agenti controllavano a distanza. Poi, hanno allestito un maxi schermo per proiettare il documentario Brucia ancora dentro. E verso le 22 in 500 hanno sfilato fino in via Gola, con il quartiere "chiuso" e presidiato da centinaia di uomini e l'area intorno al commissariato Ticinese in via Tabacchi blindata dalle camionette. Qui hanno buttato qualche petardo. «Basta violenza. Basta vendette», ha detto la mamma di Dax, Rosa Piro. A fine corteo sui Navigli hanno acceso fuochi d'artificio.


MASSIMA ALLERTA Per domani sono attesi anarchici da Italia ed Europa. La situazione potrebbe degenerare con la partecipazione degli antagonisti con una linea più bellicosa - a ribadire la solidarietà ad Alfredo Cospito, l'anarchico 55enne in regime di 41 bis, in sciopero della fame da quasi 5 mesi. La consapevolezza fra le forze dell'ordine è «del rischio di tafferugli e scontri con la polizia». I "pro Dax" potrebbero mettere in atto gesti simbolici come l'occupazione di uno spazio. E si aggiunge anche la commemorazione di Fausto e Iaio, i due ragazzi del centro sociale Leoncavallo uccisi 45 anni fa.


MAXI CORTEO Il prefetto Renato Saccone, il questore Giuseppe Petronzi e il comandante provinciale dell'Arma Iacopo Mannucci Benincasa lavorano per un adeguato dispositivo di ordine pubblico, fra uomini in strada, in divisa o in borghese, e controlli preventivi. Il corteo "Antifascismo è anticapitalismo" parte da piazzale Loreto alle 14.30 e dovrebbe dirigersi (ma non c'è ancora certezza) verso periferia Nord.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 17 Marzo 2023, 09:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA