Massimo Galli in politica col Pd? Lui smentisce: «Lo dice la Lega? Forse l'ipotesi li disturba»

Massimo Galli in politica col Pd? Lui smentisce: «Lo dice la Lega? Forse l'ipotesi li disturba»

L'infettivologo Massimo Galli scende in politica? A dirlo è un esponente della Lega, ma lui nega: «Assolutamente no», dice all'Adnkronos. «Il virologo Galli all'incontro pubblico del Pd a Lesmo si leva la maschera, o per meglio dire la mascherina», e dà inizio a una «nuova vita politica», erano state le parole di Andrea Monti, consigliere regionale della Lega in Lombardia, in una nota in cui fa gli auguri all'ex direttore del reparto di malattie infettive dell'ospedale Sacco di Milano. 

 

Bollettino Covid di mercoledì 11 maggio: 42.249 casi e 115 morti, calano i ricoveri. Oltre 40mila positivi in meno

 

Galli però smentisce l'ipotesi: «Per il momento questa cosa non mi è passata neanche per l'anticamera del cervello», assicura, ma coloro che lo sostengono «probabilmente pensano che io voglio farla e forse questo li disturba. Se si vuole giocare, si giochi pure». «Il professor Maurizio Mariotti, che è stato il mio predecessore alla direzione del Dipartimento di scienze biomediche e cliniche 'Luigi Sacco' dell'università Statale di Milano, guidandolo per 6 anni prima di me che l'ho diretto per 3 - spiega Galli - mi ha invitato a tenere ieri sera una conferenza di tipo scientifico a quella che per me era un'assemblea popolare. Semplicemente ho ricevuto l'invito di un vecchio amico e collega, l'ho accettato, ci sono andato e punto». Fra l'altro, aggiunge l'esperto, «devo dirle che di inviti di questo tipo ne sto ricevendo una quantità, anche da pertinenze politiche diverse. Alcuni li accetterò, altri no».

 

Galli in politica, la provocazione del consigliere leghista

 

«Finalmente la virostar Galli da oggi ha la decenza di schierarsi politicamente in maniera chiara, trasparente e comunque legittima, con la bandiera del Pd, a un evento del Pd, insieme ai consiglieri del Pd - osserva Monti - Spiace che negli ultimi 2 anni Galli abbia girato tutte le tv nazionali criticando Regione Lombardia e la sanità in Lombardia, che resta pur sempre eccellenza italiana ed europea, ma ora si è spiegato il perché. Per mesi siamo stati costretti ad ascoltare questi professori o presunti tali pontificare su tutto e il suo contrario. Alcuni però lo facevano con pregiudizio, altri addirittura in malafede con finalità politica. Come sempre il tempo mette tutti al loro posto, e il posto di Galli è la militanza nel Pd, in prima fila tra chi ha osteggiato anche l'ultima riforma sanitaria, fallendo nel tentativo di bloccarla». Quindi «auguri a Massimo Galli per la sua nuova vita politica. Ci vedremo in campagna elettorale, a Lesmo, come negli altri comuni della Brianza». «Si aspettano da me questa cosa? Io non me la sto ancora aspettando da me stesso», chiosa Galli. «Soprattutto - chiude - per il momento francamente ho altri interessi».


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 11 Maggio 2022, 18:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA